16002 Letture
Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM

Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM

Tenendo contemporaneamente aperte diverse schede in Chrome, l'occupazione di memoria RAM può salire alle stelle. Ecco come controllarla per evitare di ritrovarsi il sistema quasi inutilizzabile.

L'architettura multiprocesso sulla quale si basa Chrome e l'impiego di un solido meccanismo di sandboxing contribuiscono ad aumentare l'occupazione complessivo della memoria RAM da parte del browser di Google.
Basti pensare che solo l'attivazione della funzionalità Strict Site Isolation introdotta in Chrome 67 e recentemente portata in versione alleggerita anche su Android rafforza "il muro" costruito attorno a ciascun sito web aperto in ogni scheda di navigazione evitando che eventuale codice malevolo possa interagire con le altre pagine, i form di login e sottrarre dati personali. Lo scotto però si paga in termini di impegno della memoria RAM, quantificabile in un 10-20% in più.

Mantenere tante schede contemporaneamente aperte in Chrome può portare a un consumo della memoria RAM davvero importante. Lo si può verificare premendo la combinazione di tasti CTRL+MAIUSC+ESC per aprire il Task Manager di Windows. Portandosi nella scheda Dettagli, si troveranno molteplici istanze del processo chrome.exe simultaneamente in esecuzione.


Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM

Premendo la combinazione di tasti MAIUSC+ESC da una qualunque scheda aperta in Chrome, quindi selezionando l'intestazione Footprint di memoria, si può stabilire quali schede stanno occupando più memoria RAM.

Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM

Con l'accelerazione hardware attiva (risulta abilitata per default in Chrome), il processo GPU svolgerà una parte del lavoro nella gestione delle schede aperte ma la simultanea apertura di tante tab farà salire alle stelle il consumo di memoria RAM tanto che anche i sistemi meglio equipaggiati potrebbero risentirne. Non solo Chrome lento, dunque, ma l'intero sistema: vedere Memoria RAM, come sceglierla e quando estenderla.

Come abbiamo anticipato nell'articolo Chrome prova a ridurre l'impatto delle schede aperte in termini di occupazione di memoria RAM, a breve il browser di Google introdurrà il meccanismo tab freezing che però, "sotto il cofano", esiste già.

Provate a digitare chrome://discards nella barra degli indirizzi: il browser restituirà l'elenco delle schede aperte indicando, per ciascuna di esse, il loro stato. Nella configurazione di default, all'interno della colonna Lifecycle State, si leggerà active oppure hidden.

Cliccando però su Freeze o Discard/Urgent discard nell'ultima colonna, il contenuto della scheda corrispondente sarà congelato oppure rimosso completamente dalla memoria. La differenza sta nel fatto che nel primo caso i contenuti caricati dalla scheda non potranno più compiere alcuna operazione in background (si pensi alla riproduzione di un video: essa si interromperà momentaneamente) ma l'occupazione in memoria RAM rimarrà invariata. Usando Discard, invece, tutti i contenuti caricati dalla singola scheda saranno temporaneamente rimossi dalla memoria RAM rendendola nuovamente disponibile per tutte le altre operazioni.

Se è vero quindi che le prossime versioni di Chrome permetteranno di congelare l'utilizzo della RAM da parte delle singole schede in maniera del tutto automatica, al momento resta esclusa la possibilità di una gestione automatizzata del caricamento in RAM di ciascuna scheda.

L'estensione che colma questa lacuna si chiama The Great Suspender: l'abbiamo presentata più volte e, com'è facile verificare dopo l'avvenuta installazione, essa automatizza i meccanismi integrati in Chrome per consentire di ottenere un notevole risparmio nell'occupazione di memoria RAM.
È infatti assurdo mantenere in memoria decine di schede se si sta concentrando la propria attenzione solamente su una ridotta manciata di tab.

Dopo aver installato l'estensione, cliccando con il tasto destro sulla sua icona (esposta a destra della barra degli indirizzi) e scegliendo Opzioni, se ne potrà configurare liberamente il comportamento.

Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM

Nell'esempio in figura, The Great Suspender scarica dalla memoria RAM (Discard) il contenuto della scheda dopo 15 minuti che non viene più consultata e lo ricarica automaticamente non appena si fa clic sulla medesima scheda (Automatically unsuspend tab when it is viewed).
È bene anche spuntare la casella Apply Chrome's built-in memory-saving when suspending che permette di ridurre ulteriormente (fino al 500%) l'occupazione di RAM da parte delle schede automaticamente scaricate dalla memoria. La differenza si vede senza e con l'utilizzo di The Great Suspender:


Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM

Nell'esempio si vede come l'utilizzo della memoria RAM con 50 schede contemporaneamente aperte in Chrome sia passato da quasi 8 GB a poco più di 5 GB.

Digitando chrome://discards nella barra degli indirizzi, con The Great Suspender in uso, si vedrà come per le schede temporaneamente rimosse dalla memoria RAM venga mostrata la dizione unloaded (external).

The Great Suspender consente di escludere lo scaricamento del contenuto delle schede dalla RAM per siti web specifici (basta specificarne l'URL nel riquadro Never suspend tabs with URLs from the following list), per le schede che stanno riproducendo audio (utile per non arrestare YouTube, Spotify, Apple Music e servizi simili), per la scheda correntemente visualizzata nel browser, per quelle che contengono form di inserimento dati non ancora inviati e così via.


Infine, è bene ricordare che l'installazione di molteplici estensioni per il browser può contribuire a far salire drasticamente il quantitativo di memoria RAM impegnata da Chrome.
Periodicamente è opportuno accedere alla pagina chrome://extensions e rimuovere le estensioni di Chrome che non si utilizzano più.

Chrome: come ridurre l'occupazione di memoria RAM