141839 Letture

Convertire file MKV in AVI: come fare

È oggi cosa piuttosto comune imbattersi in file video dotati di estensione MKV. Si chiama Matroska (.MKV) quella tipologia di "file contenitore" che può ospitare, al suo interno, flussi audio-video.
Il formato MKV (inteso come "formato contenitore") ha numerosi vantaggi ma come fare per convertire file MKV in AVI nel caso in cui i video dovessero essere riprodotti, ad esempio, sui lettori DVD da tavolo che non supportano Matroska?
Normalmente, Windows Media Player - il riproduttore multimediale integrato in Windows - non riesce ad aprire i file MKV perché mancano i relativi codec. Un software come VLC, invece, contiene tutto il necessario per aprire i file MKV. Rilasciato sotto licenza GNU GPLv2, VLC è un software libero che permette di aprire la stragrande maggioranza dei file audio e video in circolazione senza la necessità di installare alcun codec aggiuntivo in Windows.
VLC è anche disponibile in una comodissima versione “portabile” che sarà subito pronta per l'uso senza la necessità di effettuare alcuna procedura d'installazione.
La release completa è scaricabile gratuitamente da qui mentre quella "portable" da qua.

Di solito noi non siamo particolarmente entusiasti nel suggerire l'installazione dei cosiddetti codec pack, pacchetti contenenti decine di codec differenti per l'apertura e la gestione, da parte di Windows Media Player, di un vastissimo numero di file multimediali.
Il rischio è quello di caricare sul sistema codec audio e video che difficilmente saranno mai utilizzati. Inoltre, visto l'interesse che gli utenti spesso manifestano nei confronti dei codec pack, le rispettive routine d'installazione vengono frequentemente farcite di componenti del tutto superflui (Evitare installazione di toolbar e programmi indesiderati; Rimuovere programmi indesiderati: suggerimenti pratici) o, addirittura, di spyware e malware.

Una buona scelta per rendere Windows Media Player in grado di aprire i file MKV sono i CCCP codecs. Dal momento che l'acronimo di CCCP - che in realtà sta per Combined Community Codec Pack - ricorda quello utilizzato per identificare la vecchia Unione Sovietica (URSS), gli autori del codec pack hanno giocato molto con simboli e riferimenti. Ad ogni modo, scaricando ed installando CCCP da questa pagina, si potrà fare in modo di rendere Windows Media Player capace di aprire i file MKV.


C'è da osservare, però, che non tutti gli utenti a cui si passa un file in formato MKV hanno la consapevolezza della necessità di ricorrere a VLC o di installare un codec pack.
Per evitare problemi, quindi, si potrebbe voler convertire il file MKV in AVI in modo tale che sia riproducibile con qualunque versione di Windows nella configurazione di default.

Prima di analizzare nel dettaglio la procedura da seguire per convertire file MKV in AVI, soffermiamoci un istante per riflettere sui vantaggi del formato MKV rispetto all'AVI.

Differenze tra MKV e AVI

Rispetto al formato AVI, MKV porta con sé numerosi benefici: tra i principali citiamo la possibilità di accogliere un numero illimitato di tracce audio, tracce video nonché sottotitoli insieme con una serie di metadati aggiuntivi.
Ovvio, quindi, che un file MKV può diventare il miglior contenitore possibile per "stivarvi" l'intero contenuto di un DVD, compresi sottotitoli e tracce audio multiple. Il formato Matroska, inoltre, è libero ed aperto: nessun soggetto e nessuna società detiene i diritti sul formato MKV; una caratteristica, questa, che ha spinto la maggior parte dei produttori software e la stragrande maggioranza dei produttori hardware a prevederne il supporto diretto.
Il contenuto dei file MKV è poi molto facile da gestire (semplicissimo, ad esempio, rimuovere una singola traccia audio) con un "contenitore" che pesa solitamente il 10% in meno rispetto ai file contenuti nel DVD e ben il 40% in meno rispetto ai file presenti in un supporto Blu-ray.

Convertire file MKV in AVI

Premessa la superiorità del formato MKV rispetto all'AVI (tanto che gli autori di Handbrake, famosissimo software utilizzabile per estrarre il contenuto dei DVD; procedura detta ripping che abbiamo illustrato nell'articolo Convertire DVD in AVI? Meglio il formato MKV. Come rippare il DVD senza problemi), vediamo com'è possibile convertire file MKV in AVI.

Sebbene le strategie che possono essere poste in campo sono diverse e gli strumenti software utilizzabili davvero molteplici, noi abbiamo preferito concentrare l'attenzione su Avidemux.
Perché Avidemux? Perché si tratta di un programma opensource e di un software libero (anch'esso rilasciato sotto licenza GNU GPL) capace non soltanto di convertire file MKV in AVI ma anche di permettere l'editing dei video, almeno con tutta una serie di funzionalità di base.

Dopo aver scaricato ed installato Avidemux, si dovrà selezionare File, Apri dal menù del programma quindi scegliere il file MKV da convertire.

Convertire file MKV in AVI: come fare

Cliccando sul pulsante Play in basso a sinistra, si potrà riprodurre il file video.
Per estrarne solamente una porzione, invece, basterà servirsi delle "maniglie" "A" e "B":

Convertire file MKV in AVI: come fare

Il secondo aspetto da verificare è se l'audio sia o meno multitraccia.
Avidemux indica la presenza di più tracce audio in corrispondenza della voce Audio Output. Nel nostro caso, abbiamo a che fare con un file MKV multitraccia: le tracce audio presenti sono, nel nostro esempio, tre.

Convertire file MKV in AVI: come fare

Di default, nel caso di file MKV multitraccia Avidemux estrarrà sempre la prima traccia e la memorizzerà nel file AVI ottenibile a conclusione del processo di conversione.


Per scegliere la traccia audio da inserire nel file AVI, si dovrà accedere al menù Audio di Avidemux, cliccare su Seleziona traccia, quindi lasciare attivata solo la traccia preferita.

A questo punto, tornati alla finestra principale di Avidemux si potrà cliccare su Play in modo da accertarsi che il programma abbia selezionato la traccia audio corretta.
Dal menù a tendina Video output si potrà quindi selezionare MPEG4 ASP (xvid4) oppure MPEG4 AVC (x264) a seconda che si voglia ottenere un file AVI Xvid oppure compatibile x.264.
Nella sottostante casella Audio output, bisognerà invece scegliere la voce MP3 (lame):

Convertire file MKV in AVI: come fare

Cliccando sui pulsanti Configure, è possibile regolare la qualità del video AVI che si otterrà con Avidemux dopo il processo di conversione.

Per avviare la conversione del file MKV in AVI basterà cliccare sul pulsante Save video (il secondo da sinistra nella barra degli strumenti) oppure selezionare File, Salva.

Avidemux
Download: ilsoftware.it
Compatibile con: Windows XP, Windows Vista, Windows 7, Windows 8
Licenza: GNU GPL


  1. Avatar
    paolo82
    24/09/2016 16:40:58
    faccio tutto come la guida è tutto sembra andare per il verso giusto ma appena masterizzo il cd e lo metto nel lettore per vederlo alla tv sento solo l'audio è il video non lo vedo chi può aiutarmi?
  2. Avatar
    Antony R
    15/04/2016 14:55:14
    Ho un TV 42" della LG, come faccio a vedere i film in formato MKV non avendo, credo, il lettore VLC nel televisore? Grazie!
  3. Avatar
    Ladybug
    10/01/2015 17:42:08
    Carico il file mkv di 11 GB su Avidemux, attendo che faccia tutte le sue operazioni di ricostruzione immagine matroska, etc. Ma tutto quello che vedo in seguito è uno schermo tutto verde. Mi dà poi il senguente messaggio: Salvare Audio + Video genererà un file difettoso ; salvare solo l'Audio funzionerà. Il problema è che io ho bisogno sia dell'audio che del video, ovviamente, trattandosi di un film. Qualche idea?
  4. Avatar
    TeresaWFD
    12/07/2014 17:27:16
    Dopo aver eseguito tutti i passaggi, quando provo a eseguire la conversione mi da questo errore Audio: "Cannot setup audio encode, make sure your stream is compatible with audio encoder (number of channels, bitrate, format)". Come posso risolvere? Grazie
  5. Avatar
    mentre83
    06/07/2014 11:54:21
    Ho riscontrato un solo problema relativamente alla conversione di un file *.mkv tramite Avidemux, vale a dire che al termine dell'operazione non vengono cancellati quelli che presumo essere i files temporanei del processo. Dopo aver convertito una serie di files nel suddetto formato in altrettanti *.avi, lo spazio sul mio disco fisso è diminuito di una quantità circa pari a (dimensione dei files originali + dimensione dei nuovi files), come se da qualche parte sussistessero "copie ombra" dei *.mkv convertiti. Peccato che nelle consuete cartelle temporanee di Windows (7) non ve ne sia traccia, e non sia possibile risalire alla loro ubicazione dalle impostazioni di Avidemux.
  6. Avatar
    Michele Nasi
    23/05/2014 18:08:41
    Ripeto, la QUALITA' dei flussi audio e video non è in alcun modo influenzata dal "contenitore" che viene utilizzato (MKV, AVI ma anche MOV, FLV,...) ma solo e soltanto dalle impostazioni dei codec impiegati. È vero che MKV viene generalmente utilizzato con i codec H.264/AVC che ben si adattano ai flussi HD (oltre, come sottolineato nei vari articoli, al supporto per i capitoli, i menù e così via) ma è sbagliato affermare che il peggioramento della qualità sia legata al cambio del contenitore. Tant'è vero che in alcune circostanze è sufficiente cambiare semplicemente il solo contenitore mantenendo i flussi audio e video così come sono stati codificati. Scrivi: "sarò libero di esprimere quello che penso???". Certo, ma perché? Ti ho per caso ripreso per l'intervento che hai fatto? Ho però ritenuto un po' fuorviante limitarsi a scrivere "perché perdere la qualità MKV al posto di un AVI". Detta così, secondo me, la frase non sta in piedi. Sempre IMHO.
  7. Avatar
    Giallu
    23/05/2014 17:35:03
    Citazione:
    Citazione: Perchè perdere la qualità mkv. Per un obsoleto .avi.
    Non parlerei di "qualità MKV". Come credo di aver evidenziato nel testo dell'articolo, Matroska (MKV) è un semplice "contenitore", seppur molto molto evoluto. Nell'articolo http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?t ... blemi_9847 ne ho suggerito l'utilizzo spiegando le motivazioni. In molte situazioni, però, può essere indispensabile convertire da MKV ad altro formato e nell'articolo che hai commentato penso vi sia una buona risposta IMHO.
    Michele capisco il discorso della tua risposta. Non fà una piega. Va bè, l'mkv contiene il formato avc video, adesso gira il nuovo formato HEVC, ancora più performante. :wink: Il dire mkv è un modo più semplice per far capire ai più l'estensione del file video. Pure l'avi è un contenitore. Se vogliamo fare i puntigliosi. :wink: Michele non sò se tu hai mai fatto la conversione. Ma la qualita out non si commenta quanto possa perdere. Ci sono in giro tanti piccoli oggetti, molto economici che si possono aggiungere al home video di casa. Perchè il problema sorge per la visione sul nostro tv. Perchè sul pc non esiste questo problema. Perderesti qualità video ed audio. Bisogna meditare. Certamente chi è abituato a vedere film in streaming e nello smartphone non discuto. Ma se devo consigliare mai questa soluzione. Anni prima si. Adesso non vedo l'utilizzo. Poi Michele o solo detto la mia opinione. Sarò libero di esprimere quello che penso ??? Buonagiornata, bye. :abbraccio:
  8. Avatar
    Michele Nasi
    23/05/2014 15:56:14
    Citazione: Perchè perdere la qualità mkv. Per un obsoleto .avi.
    Non parlerei di "qualità MKV". Come credo di aver evidenziato nel testo dell'articolo, Matroska (MKV) è un semplice "contenitore", seppur molto molto evoluto. Nell'articolo http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?t ... blemi_9847 ne ho suggerito l'utilizzo spiegando le motivazioni. In molte situazioni, però, può essere indispensabile convertire da MKV ad altro formato e nell'articolo che hai commentato penso vi sia una buona risposta IMHO.
  9. Avatar
    Giallu
    16/05/2014 13:57:35
    Perchè perdere la qualità mkv. Per un obsoleto .avi.
Convertire file MKV in AVI: come fare - IlSoftware.it