121341 Letture

Creare e ripristinare file d'immagine di partizioni e disco con DriveImage

Con il passare del tempo Windows tende a diventare sempre più lento ed instabile. Tale evidente calo di prestazioni è dovuto, in primo luogo all'utilizzo che si fa del computer ed al modo in cui si gestisce il sistema operativo.

Come abbiamo già spiegato nell'articolo correlato Ripristinare subito il sistema in caso di crash ovvero come creare l'immagine del disco fisso, il sistema operativo può divenire lento ed instabile in seguito a diversi fattori. Spesso la non corretta installazione delle applicazioni può causare danni a file di sistema condivisi con altre applicazioni: ad esempio, se vengono sostituite librerie dinamiche (DLL), comuni ad altri programmi, con copie obsolete è possibile che alcuni software non funzionino più o mostrino messaggi d'errore.
Può capitare che tali modifiche interessino anche file "chiave" per il corretto funzionamento del sistema operativo od informazioni contenute all'interno del registro di sistema di Windows (ved. articolo Analisi del registro di sistema di Windows: cos'è, come intervenire, come ottimizzarlo).
Altre volte può capitare, se non si esegue la corretta procedura di disinstallazione, oppure qualora questa non risulti ben realizzata, di l'intero sistema ancora più instabile. Si lascerebbero infatti, all'interno del sistema, file orfani o si potrebbero eliminare, senza saperlo, file e librerie di vitale importanza perché necessarie per il corretto funzionamento di Windows o delle altre applicazioni installate.

Come abbiamo già evidenziato nell'articolo correlato, la soluzione migliore per tutti i problemi è, a nostro avviso, quella di riportare periodicamente - o comunque quando si notano evidenti cali di prestazioni -, l'intero sistema allo stato iniziale in modo da ripristinare quelle caratteristiche di velocità e stabilità riscontrabili immediatamente dopo aver portato a termine una nuova installazione da zero del sistema operativo.

Nell'articolo Ripristinare subito il sistema in caso di crash ovvero come creare l'immagine del disco fisso, è spiegato come utilizzare il software Norton Ghost. Questa volta vi parliamo di Powerquest DriveImage.


Dopo esservi muniti del software Powerquest DriveImage, è possibile programmare di salvare il file d'immagine che verrà creato - ossia la copia speculare di una partizione o dell'intero disco fisso - su un altro disco fisso, su un'altra partizione o, meglio, masterizzato su CD ROM o memorizzato su di un'unità esterna (ad esempio unità di tipo Iomega Zip).
Il nostro consiglio è quello, ove possibile, di salvare il file d'immagine ottenuto, su un supporto di memorizzazione esterno. Così facendo eviterete di occupare troppo spazio sul disco fisso, scongiurerete il pericolo di un'eventuale cancellazione accidentale del file o della sua perdita in caso di gravi problemi che interessino l'intero disco fisso.
Qualora il sistema operativo dovesse bloccarsi o presentare gravi problemi, vi basterà inserire il supporto di memorizzazione esterno, all'interno del quale avete provveduto a salvare il file d'immagine, avviare DriveImage e ripristinare il sistema, in poco tempo e con pochi clic del mouse, alle condizioni originarie.
Va sottolineato che il miglior momento per creare il file d'immagine è certamente dopo aver installato da zero il sistema operativo, configurato secondo le proprie esigenze lo stesso (installate stampanti, configurata opportunamente la connessione ad Internet, il browser, il client di posta elettronica, le preferenze generali del sistema,...) e tutte le applicazioni di utilizzo abituale.


Creare e ripristinare file d'immagine di partizioni e disco con DriveImage - IlSoftware.it