53748 Letture

DriveImage 5.0: le novità del software per creare l'immagine del disco fisso

DriveImage, come già visto nell'articolo Creare e ripristinare file d'immagine di partizioni e disco con DriveImage, è un software che permette di creare "l'immagine" di una partizione, di più partizioni o di un intero disco rigido.
L'immagine può essere considerata come un'istantanea del contenuto di una partizione o del disco fisso. Il file d'immagine, che generalmente può venire compresso, può essere quindi conservato, ad esempio, su di un CD ROM, in attesa di ripristinarne il contenuto.

Quando il sistema operativo diventa lento ed instabile, è possibile riportarlo ad una condizione performante ripristinando proprio il contenuto del file d'immagine creato in precedenza. E' certamente il miglior modo per disporre sempre di un computer veloce ed efficiente.

I vantaggi delle operazioni di creazione e ripristino del file d'immagine derivano dal fatto che il tutto viene compiuto a livello DOS, senza che la procedura di backup sia influenzata dal funzionamento di Windows.


DriveImage 5.0, ha introdotto alcune novità che ne rendono l'uso estremamente più semplice e pratico.
La nuova versione del software prodotto e distribuito da Powerquest include un eccellente software, denominato QuickImage, divenuto ora il centro dell'utilità.

QuickImage porta in ambiente Windows un'operazione, quella del disk imaging, fino a ieri prerogativa di DOS. Il programma consente, infatti, di selezionare, direttamente da Windows i dischi o le partizioni di cui si desidera creare l'immagine.

Una volta selezionate le partizioni (mediante il pulsante Seleziona partizioni), è possibile fare clic sul pulsante Opzioni avanzate per attivare una serie di opzioni che consentono, rispettivamente, di:
- verificare la presenza di errori del file system
- verificare le scritture su disco
- verificare il contenuto del file d'immagine
- suddividere un file d'immagine in più file
- selezionare un livello di compressione
- proteggere il file d'immagine con una password.

E' bene soffermarci in particolare su due opzioni. Un'opzione che può risultare, spesso, molto utile è Dividi file immagine in più file. Se attivata, il file d'immagine che verrà creato, qualora dovesse superare la dimensione (in byte) specificata, verrà automaticamente suddiviso in più porzioni. In questo modo è quindi possibile spezzare un file d'immagine in diverse parti su una stessa partizione per poi memorizzarle su più supporti rimovibili.
Ad esempio, attivando la casella Dividi file immagine in più file ed impostando, come dimensione del file d'immagine, 650.000.000 (byte), si potrà successivamente masterizzare ciascun file d'immagine su un CD ROM di capacità standard di 650 MB. Si creerà così un "set" di CD ROM che permetteranno agevolmente di ripristinare, mediante l'uso di DriveImage, il contenuto di una partizioni, di più partizioni o di un intero disco fisso.




A questo punto, il pulsante Salva incluso in QuickImage vi permetterà di memorizzare su disco la definizione creata. Una definizione, per QuickImage, è un file contenente informazioni sulle partizioni di cui deve essere creata l'immagine nonché le preferenze scelte da parte dell'utente (opzioni avanzate, eventuali commenti da inserire nel file d'immagine, il nome del file d'immagine da creare,...).

Il pulsante Crea immagine consente di avviare la procedura di creazione del file d'immagine: viene visualizzato un messaggio che informa sulla chiusura di tutti i programmi eventualmente in esecuzione; il sistema verrà quindi riavviare automaticamente in modalità MS DOS. A questo punto partirà l'operazione di creazione dell'immagine senza alcun ulteriore intervento da parte dell'utente.
Al termine della procedura, il personal computer sarà nuovamente riavviato: si potrà quindi riavviare normalmente il sistema operativo.

DriveImage 5.0: le novità del software per creare l'immagine del disco fisso - IlSoftware.it