3975 Letture

Il Tribunale di Roma riassegna il dominio mediaset.com

Nelle scorse settimane avevamo pubblicato la notizia della "perdita" del dominio .com da parte di Mediaset. In seguito ad una "dimenticanza" da parte dei responsabili dell'azienda di Cologno Monzese, che ha portato al mancato rinnovo del dominio, una società statunitense - Fenicius LLC - aveva provveduto a registrarlo a proprio nome. E se gli arbitri del WIPO, organizzazione mondiale che si occupa, tra gli altri compiti, di esaminare e risolvere le contese sui nomi a dominio, avevano dato torto a Mediaset valutando come eccessivamente "generici" i termini "media" e "set" (ved. questo nostro articolo), i giudici del Tribunale di Roma si sono invece espressi in favore della società del gruppo Fininvest.

"La nona sezione del Tribunale civile di Roma ha accolto il ricorso 1193/12 di Mediaset", ha annunciato l'azienda in una lunga nota, "nei confronti della società Fenicius Llc imponendole di cessare l'uso del dominio la cui acquisizione, come dimostrato nel ricorso, «è stata compiuta con finalità di agganciamento del noto marchio Mediaset»".


I giudici romani hanno poi stabilito che Fenicius dovrà versare a Mediaset 1.000 euro di penale per ogni giorno di ritardo nell'applicazione del provvedimento.

  1. Avatar
    drman
    09/05/2012 10:34:13
    opportunismo all'italiana...
  2. Avatar
    Twfa
    12/04/2012 19:10:51
    Se il diritto di tenere il dominio è già stato sancito a livello internazionale, che valore ha la sentenza del tribunale di Roma? Praticamente nessuno.. il provvedimento che vale dovrebbe essere quello dello stato in cui risiede l'ente presso cui ė stato registrato il dominio, oppure quello del registrante; in questo caso il parere del tribunale italiano vale quanto un 2 di picche. Mi Sto arrivando! Che sia vero quanto detto nel commento precedente
  3. Avatar
    giuseppe verdi
    12/04/2012 12:24:45
    Una piccola società acquisisce seguendo tutte le tempistiche e norme di legge, il nome di un dominio. In Italia una grossa società pretende l'assegnazione del dominio ma i giudici degli USA non le danno ragione. In Italia, in barba a qualsiasi basilare principio di giustizia ed equità la stessa grossa società chiede la cancellazione dei diritti altrui imponendo diritti ancestrali come 'Ius primae noctis' a proprio favore. Morte della Giustizia: nel Regno d'Italia le campane dovrebbero suonare a lutto.
Il Tribunale di Roma riassegna il dominio mediaset.com - IlSoftware.it