3213 Letture
Il grafene è ottenibile dal legno di pino: lo dimostra un gruppo di scienziati

Il grafene è ottenibile dal legno di pino: lo dimostra un gruppo di scienziati

Il materiale del futuro, che sarà largamente impiegato in elettronica, è al momento troppo costoso da ottenere. Un gruppo di accademici spiega che le cose potrebbero cambiare se si iniziasse a produrre grafene partendo dal legno di pino.

Il grafene è uno dei materiali sui quali si stanno concentrando gli studi degli scienziati e degli esperti di tutto il mondo. Le sue caratteristiche sono tali da rendere il grafene un materiale potenzialmente in grado di rivoluzionare molteplici campi tecnologici: a beneficiarne saranno le batterie, i sensori e addirittura le memorie. Ne abbiamo parlato anche nei nostri articoli Grafene, materiale super-resistente ora anche 3D e Il MIT presenta un chip basato su nanotubi di carbonio che integra CPU, memoria e storage.

Il grafene è ottenibile dal legno di pino: lo dimostra un gruppo di scienziati

La rivoluzione vera e propria, comunque, deve ancora cominciare perché il grafene non può essere ancora utilizzato a livello industriale, almeno nelle quantità, con la qualità e ai costi che il mercato richiederebbe.


Molti scienziati stanno cercando di individuare modalità poco costose per ottenere e trattare il grafene. Alcuni studi sono stati condotti dagli accademici dell'Università di Exeter.

In queste ore un altro gruppo di studio, questa volta afferente alla Rice University, ha messo a punto un processo produttivo che permette di ottenere grafene a partire dal legno, uno dei materiali più comuni e, allo stesso tempo, rinnovabili.

Il metodo che è stato utilizzato dagli universitari sfrutta il processo che coinvolge l'utilizzo di un laser per la generazione di grafene: viene scaldata la superficie di un polimero creando, allo stesso tempo, della poliammide, un tipo di plastica.


I ricercatori della Rice University hanno stabilito che alcune tipologie di legname, come il legno di pino constano di una struttura molto simile a quella che contraddistingue la poliammide. Ecco perché gli studiosi hanno provato, con successo, a scaldare un pezzo di legno di pino in un ambiente libero da ossigeno e usando un laser industriale ottenendone grafene.

Certo, le problematiche da risolvere restano ancora molteplici ma la strada percorsa viene considerata assolutamente percorribile e quanto dimostrato ad oggi viene considerato come un ottimo inizio.

Il grafene è ottenibile dal legno di pino: lo dimostra un gruppo di scienziati - IlSoftware.it