8860 Letture
Licenza Windows 10 a prezzo scontato? Esistono davvero

Licenza Windows 10 a prezzo scontato? Esistono davvero

Acquistare una licenze di Windows 10 a prezzo fortemente scontato è possibile? Sì ma con le dovute cautele perché non è tutto oro quello che luccica.

Una licenza ex novo di Windows 10 in italiano costa 279 euro sullo store Microsoft anche se, va detto, gli utenti di Windows 7 e Windows 8.1 possono ancora aggiornare gratuitamente a Windows 10.
Nell'articolo Windows 10 gratis si può, ecco come fare abbiamo illustrato la procedura che è possibile seguire per ottenere ancor'oggi, nel 2017, una licenza valida di Windows 10 partendo da un'installazione altrettanto regolare (anche OEM) di Windows 7 o Windows 8.1.

Una licenza di Windows 10 di solito è Retail od OEM: le prime sono disponibili attraverso diversi canali (sito Microsoft e anche Amazon, per esempio) e consentono di trasferire la licenza da un PC all'altro in caso di necessità (è possibile usare una stessa licenza solo su una macchina alla volta, pena la disattivazione del Product Key da parte di Microsoft).

Le licenze OEM, invece, si legano strettamente alla configurazione hardware della macchina sulla quale viene installato Windows. In caso di problemi è permesso modificare i vari componenti del computer ma non la scheda madre: la sostituzione della motherboard non è contemplata e può provocare l'invalidazione del Product Key.


Nell'articolo Su quanti computer si può installare Windows? E con il dual boot? abbiamo descritto le varie differenze tra le licenze di Windows.

Con Windows 10 è stato introdotto il concetto di diritto digitale: esso viene memorizzato sui server Microsoft insieme con l'ID dell'installazione direttamente collegato alla configurazione hardware in uso. Ciò significa che Windows 10 attivato con diritto digitale potrà essere reinstallato senza problemi sulla stessa macchina, dotata della medesima configurazione hardware.
Il diritto digitale facilita le cose perché permette una reinstallazione "indolore" di Windows 10 (senza preoccuparsi degli aspetti relativi alla licenza e della digitazione del Product Key) sulla stessa macchina.
Abbiamo anche verificato che effettuando il login con un account amministratore in Windows 10, l'attivazione del sistema operativo sarà legata a tale account.

Licenza Windows 10 a prezzo scontato? Esistono davvero

Anche nel caso di cambio della scheda madre, suggeriamo comunque di provare ad attivare Windows 10 ricorrendo alla procedura illustrata nell'articolo Come attivare Windows 10 dopo il cambio dell'hardware.

Licenza Windows 10 a basso costo: cosa sono le ESD

Le licenze Retail sono le più costose in assoluto mentre le OEM sono generalmente più economiche.
Queste ultime dovrebbero essere unicamente appannaggio dei produttori o assemblatori di PC che di solito le acquistano da Microsoft "in blocchi" ottenendo così prezzi di favore.
Una licenza di Windows 10 OEM si trova però anche attraverso svariati canali: il prezzo è basso perché si tratta in primis di licenze acquistate in sovrannumero dai vari produttori e poi perché, come spiegato in precedenza, si legano quasi indissolubilmente alla configurazione hardware della macchina sulla quale sono usate.

Siti come Kinguin offrono licenze di Windows 10 e di Office (oltre che delle altre versioni di Windows) a prezzo scontatissimo.
Una licenza OEM di Windows 10 si trova oggi ad appena 30-35 euro o anche meno.
Il costo comprende, nel caso di Kinguin, un'assicurazione (costa 5 euro) che protegge nel caso di acquisto di un Product Key non valido.

Si fa poi un gran parlare delle licenze ESD.
Acronimo di Electronic Software Delivery, si tratta di licenze che Microsoft offre in formato digitale, senza quindi fornire alcun supporto fisico (scatola, manuali, DVD,...).
Per l'acquisto di questo tipo di licenze, Microsoft indica unicamente due alternative: il suo store online oppure il partner Digital River.

Una licenza di Windows 10 di tipo ESD si trova ormai ovunque, anche su eBay o addirittura su Amazon a prezzi ancora più bassi rispetto alle OEM.
Si tratta di licenze legittime e perfettamente valide?

Una sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea (C-128/2011) mette dei paletti importanti e inequivocabili.
Consultabile a questo indirizzo, la sentenza dirime una vertenza che vedeva contrapporsi un distributore tedesco di licenze software "di seconda mano" (UsedSoft GmbH) e Oracle.

I giudici hanno stabilito che "il diritto di distribuzione della copia di un programma per elaboratore è esaurito qualora il titolare del diritto d’autore che abbia autorizzato, foss’anche a titolo gratuito, il download della copia su un supporto informatico via Internet abbia parimenti conferito, a fronte del pagamento di un prezzo diretto a consentirgli l’ottenimento di una remunerazione corrispondente al valore economico della copia dell’opera di cui è proprietario, il diritto di utilizzare la copia stessa, senza limitazioni di durata".

Inoltre, "in caso di rivendita di una licenza di utilizzazione che implichi la rivendita di una copia di un programma per elaboratore scaricata dal sito Internet del titolare del diritto d’autore, licenza che era stata inizialmente concessa al primo acquirente dal titolare medesimo senza limitazione di durata ed a fronte del pagamento di un prezzo diretto a consentire a quest’ultimo di ottenere una remunerazione corrispondente al valore economico della copia della propria opera, il secondo acquirente della licenza stessa, al pari di ogni suo acquirente successivo, potrà avvalersi dell’esaurimento del diritto di distribuzione previsto (...) e, conseguentemente, potrà essere considerato quale legittimo acquirente di una copia di un programma per elaboratore (...) beneficiando del diritto di riproduzione previsto da quest’ultima disposizione".


In altre parole chi ha acquistato la licenza di un software a tempo indeterminato la può rivendere a terzi, anche attraverso un proprio sito web.
Il giudizio della Corte ha valore sull'intero territorio degli Stati membri, quindi anche in Italia.
E anche nel nostro Paese hanno iniziato a moltiplicarsi aziende che giocano sulla differenza tra il prezzo pagato per le licenze a volume e il costo applicato agli utenti finali interessati ad acquisire un numero ridotto di licenze.

La trasferibilità dei contratti legati alle licenze software si concretizza quindi anche sulle licenze ESD di Windows e di Office.

L'unico problema, per chi acquista, è verificare la bontà delle licenze ESD.
Il consiglio è quindi quello di diffidare dei prezzi davvero troppo bassi, di attivare ove possibile un'assicurazione (di solito costa pochi euro) presso il venditore che protegga dall'eventuale erogazione di Product Key non validi o disattivati da Microsoft e soprattutto farsi rilasciare sempre una fattura o un giustificativo che dimostri in maniera inoppugnabile la provenienza della licenza acquistata.

È importante evidenziare che il supporto tecnico di Microsoft non risponde circa l'invalidazione di licenze di dubbia provenienza. In caso di problemi è quindi bene fare sempre riferimento al soggetto presso il quale la licenza è stata acquisita.
In linea generale, le licenze OEM offrono una maggior sicurezza, soprattutto se la loro erogazione in formato digitale viene affiancata dal rilascio di una regolare fattura o di un giustificativo di acquisto.

Un buon suggerimento per l'acquisto di una licenza di Windows 10 o di Office presso rivenditori terzi consiste nel pagamento mediante PayPal.
Nel caso in cui il Product Key fosse non funzionante, infatti, è sempre possibile annullare l'acquisto dal pannello di gestione del proprio account PayPal cliccando su Segnala un problema e aprendo una contestazione (qui il centro risoluzione dispute di PayPal con la lista delle pratiche aperte).


Attivare la licenza Windows 10

Prima di poter utilizzare il codice Product Key acquistato si dovrà ovviamente installare da zero Windows 10: vedere l'articolo Formattare PC per reinstallare Windows da zero.

Successivamente, ad installazione conclusa (durante l'installazione si può ignorare l'inserimento del Product Key), si potrà provare ad attivare il sistema operativo digitando Attivazione nella casella di ricerca quindi cliccando su Cambia codice Product Key.

Nel giro di pochi secondi, Windows 10 verificherà la validità del codice inserito e, se del caso, attiverà la licenza dell'utente.

Premendo la combinazione di tasti Windows+R quindi digitando slmgr.vbs -dlv si leggerà chiaramente, in corrispondenza della voce, Canale codice Product Key la tipologia di licenza di Windows 10 in uso.

Infine un consiglio: se si dovesse recuperare un codice Product Key da un sistema Windows già in uso, suggeriamo di seguire le indicazioni riportate nei due articoli che vi proponiamo:

- Product Key Windows, come trovarlo
- Recuperare Product Key da qualunque computer, anche quando non si avvia


Licenza Windows 10 a prezzo scontato? Esistono davvero - IlSoftware.it