2229 Letture
Messaggistica più sicura con l'app Briar che si appoggia alla rete Tor

Messaggistica più sicura con l'app Briar che si appoggia alla rete Tor

Utilizza la rete Tor (in futuro anche I2P) l'app Briar che permette di inviare e ricevere messaggi in totale sicurezza, senza la possibilità che essi possano essere in alcun modo intercettati e letti da terzi.

Non è ancora molto conosciuta, anche perché per il momento non ne è stata rilasciata la versione finale. Briar, però, è un'app promettente perché permette di inviare e ricevere messaggi in modo sicuro, appoggiandosi alla rete Tor.

Briar permette di scambiare messaggi con un approccio peer-to-peer e traendo vantaggio dall'elevato grado di anonimato che può assicurare il circuito composto dai cosiddetti onion router (crittografano a strati le comunicazioni sulla rete Tor).

Messaggistica più sicura con l'app Briar che si appoggia alla rete Tor

L'applicazione, per ora disponibile solo per Android, consente anche di allestire veri e propri gruppi di discussione ai quali possono partecipare più persone.


Tutti i messaggi gestiti da Briar vengono memorizzati in locale: nulla resta salvato su server remoti. Inoltre, l'applicazione può essere sfruttata per continuare a colloquiare via WiFi o Bluetooth con i dispositivi limitrofi anche in assenza del collegamento Internet.

Per questi tipi di app, il fatto di essere software liberi e opensource è certamente un grande fiore all'occhiello. Il codice dell'applicazione può essere infatti analizzato da chiunque, caratteristica cruciale per tutti i software in cui l'aspetto sicurezza riveste un ruolo fondamentale.

Anzi, è proprio di queste ore la notizia del superamento - da parte di Briar - di un severo controllo del suo codice sorgente. L'auditing è stato svolto da Cure53, organizzazione che in passato ha posto sotto la sua lente servizi come SecureDrop, Cryptocat e Dovecot.
I tecnici di Cure53 scrivono nel loro resoconto finale che gli sviluppatori di Briar hanno tenuto in massima considerazione gli aspetti legati a sicurezza e privacy. Inoltre, il codice responsabile della gestione del flusso dei dati in forma cifrata è risultato eccezionalmente chiaro e pulito, esente da ogni vulnerabilità.


In futuro, non è chiaro se prima o dopo il rilascio della versione finale di Briar, l'applicazione potrebbe abbracciare anche l'utilizzo della rete anonima I2P come alternativa rispetto a Tor.
Gli sviluppatori, però, tengono a precisare che lo sviluppo andrà avanti senza fretta: non vi sono obblighi commerciali e scadenze da rispettare.

Messaggistica più sicura con l'app Briar che si appoggia alla rete Tor - IlSoftware.it