3932 Letture

Microsoft rinnova OneNote, gratis anche per Mac OS X

Microsoft ha recentemente aggiornato OneNote, il suo programma per la gestione di note ed appunti, nella versione per Windows Phone (OneNote cattura dalla fotocamera e supporta l'OCR). Il colosso di Redmond, evidentemente per cercare di tenere testa alla concorrenza (si pensi ad Evernote e Google Keep) ha rilasciato una versione completamente gratuita di OneNote per i sistemi Mac OS X, una "freemium" per Windows e nuove API che consentono alle app di terze parti di mettersi in comunicazione con il "blocco note digitale" di Redmond.

L'obiettivo è evidentemente quello di rendere OneNote un prodotto che supera i confini di ciascuna piattaforma hardware-software permettendo agli utenti di mantenere costantemente sincronizzati i propri dati, indipendentemente dal fatto che si stia usando un PC, un Mac, un tablet Windows, un dispositivo Windows Phone, un iPad, un iPhone, un device mobile Android oppure un qualunque browser web.


Tutte le informazioni che si gestiranno dai vari dispositivi con OneNote saranno automaticamente sincronizzate poggiando su OneDrive.

Grazie alle API, è possibile usare OneNote Clipper per salvare rapidamente il contenuto di una pagina web in OneNote, si può inviare un'e-mail ad un apposito indirizzo di posta affinché i dati siano automaticamente salvati, ci si può interfacciare con la funzionalità Office Lens (cattura di documenti e lavagne) e collegare OneNote con IFTTT (vedere questi nostri articoli).

  1. Avatar
    grigio
    19/03/2014 20:45:16
    Ho un computer con Windows 7, un altro con Windows 8.1 e uno smartphone con Windows phone. Trovo comodo, per chi lo desideri, poter sincronizzare note, foto e contatti utilizzando il sever in rete di Microsoft. Non vedo però perché devo essere obbligato a farlo. Accettare la politica di Microsoft, e di molti altri gestori di servizi di rete, di mettere i propri dati sui loro server significa, nella migliore delle ipotesi, autorizzare l'accesso ai propri dati sensibili dei servizi di sicurezza statunitensi. Significa però accettare anche il rischio che le note, le foto private, i numeri di telefono, gli indirizzi email e gli altri dati personali dei propri contatti possano finire nelle mani di malintenzionati che accedano abusivamente al server.
Microsoft rinnova OneNote, gratis anche per Mac OS X - IlSoftware.it