9229 Letture

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

I tempi dei dispositivi dotati di tastiera fisica sono ormai morti e sepolti. Disporre quindi di una tastiera virtuale "ultimo grido" sul proprio dispositivo mobile consentirà di velocizzare drasticamente le principali operazioni.
La tastiera Google è cresciuta molto negli ultimi anni e nell'ultimo periodo è stata ulteriormente migliorata dai tecnici della società di Mountain View.

La tastiera Google è chiamata Gboard ed è scaricabile gratuitamente dal Play Store facendo riferimento a questa pagina. È sicuramente tra le migliori tastiere disponibili sulla piazza e un'ottima alternativa a quella fornita e abilitata per default dal produttore dello smartphone Android.

Come configurare e usare la tastiera Google

Usare la tastiera Google con il proprio dispositivo Android è molto semplice: basta accedere alle impostazioni del sistema operativo, selezionare Lingua e immissione o Lingua e tastiera quindi selezionare Gboard in corrispondenza di Tastiera corrente.


Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Toccando la voce Gboard è possibile accedere alle preferenze legate al funzionamento della tastiera, modificabili anche toccando l'icona raffigurante un piccolo ingranaggio posta nella parte superiore della tastiera stessa, dopo aver selezionato l'icona di Google.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Scegliendo Avanzate, si può evitare che "statistiche anonime" sull'utilizzo della tastiera Gboard vengano inviate a Google.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Ricerche immediate e risultati istantanei con la tastiera Google

La tastiera Gboard di Google offre la possibilità di effettuare ricerche sul web semplicemente toccando l'icona in alto a sinistra sulla tastiera quindi inserendo il termine o la frase da cercare.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Il pulsante Condividi permetterà quindi di condividere subito l'informazione cercata (particolarmente utile nel caso di una pagina web, di un ristorante, di un hotel, di un punto d'interesse e così via) con i propri interlocutori.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Per impostazione predefinita, la tastiera Google usa la ricerca predittiva: le query di ricerca più utili e pertinenti vengono suggerite durante la digitazione.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Modificare il tema della tastiera Google e il suo allineamento

Premendo l'icona Google nell'angolo superiore sinistro della tastiera, toccando l'icona raffigurante tre puntini in linea, selezionando Impostazioni quindi Tema, si può modificarne il tema quindi scegliere il colore o lo sfondo preferiti (può anche trattarsi di un'immagine) e specificare se si preferisce ottenere un bordo accanto a ogni tasto.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Scegliendo la voce Preferenze nelle impostazioni della tastiera Google, quindi facendo riferimento alla voce Modalità con una sola mano è possibile allineare la tastiera di Google a sinistra o a destra, a seconda della mano che si utilizza.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Usando le icone poste sul lato sinistro o destro, è possibile ampliare nuovamente la tastiera Google oppure spostarla a proprio piacimento.

Emoji e GIF animate. Toccando l'icona con l'emoticon a sinistra della barra spaziatrice, è possibile accedere alla ricca libreria di emoji della tastiera Google.
Il pulsante GIF permette di cercare e condividere immagini, anche animate ("meme").

Scrittura senza sollevare il dito, controllo del cursore e dettatura vocale

Non è una novità perché la tastiera Google già offriva questa funzionalità in passato: ad ogni modo, si tratta di una caratteristica troppo comoda per non essere citata e utilizzata.

Lasciando scivolare il dito sui vari tasti, la tastiera Google comporrà automaticamente la parola d'interesse semplicemente "indovinandola".
Il glide typing (in italiano, digitazione a scorrimento) è comune a diverse altre tastiere ma quella di Google offre risultati davvero eccellenti permettendo la scrittura di lunghi testi senza passare continuamente da un tasto all'altro.

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

Nella tastiera di Google la barra spaziatrice può essere utilizzata per controllare il cursore e spostarsi rapidamente verso sinistra o verso destra all'interno del testo.
È possibile premere rapidamente due volte la barra spaziatrice per inserire un punto seguito da uno spazio.

Non solo. Spostandosi, ad esempio, dal tasto ?123 verso destra si accederà a un tastierino facilitato contenente numeri e principali simboli.

Un altro "gesto" utile è quello attivabile spostandosi verso sinistra in corrispondenza del tasto Canc/Backspace: si potranno così selezionare e cancellare contemporaneamente più parole.


Inserire il testo dalla tastiera Google con la dettatura vocale

Toccando l'icona raffigurante un piccolo microfono, è poi possibile dettare il testo abilitando il riconoscimento vocale di Google e "scavalcando" completamente la tastiera.
Il riconoscimento vocale di Google funziona davvero molto bene (ne avevamo parlato già nell'articolo Inviare messaggi con la voce su Android) e permette di inserire lunghi testi senza difficoltà.

Il sistema infatti è molto preciso e tollera anche lunghe pause nella dettatura restando però continuamente attivo (tanto che abbiamo spiegato come usare anche su desktop il medesimo sistema: Riconoscimento vocale, come dettare testi senza installare nulla; utile anche per trasformare in testo quanto presente in un video o ciò che è stato precedentemente registrato: Convertire audio in testo senza installare nulla).

Non si confonda l'icona raffigurante il microfono presente in app come WhatsApp (che consente di registrare un messaggio vocale) con l'icona (più piccola) che appare in alto a destra nella tastiera Google (che invece effettua uno speech-to-text traducendo il parlato in testo scritto).

Tastiera Google, le novità della nuova Gboard

La sezione Correzione testo delle impostazioni della tastiera Google è regolata in maniera tale che vengano forniti suggerimenti durante la digitazione, che per offrire suggerimenti venga fatto riferimento alla parola precedente, che la tastiera abbia titolo per autocompletare i nomi dei contatti e per mettere a disposizione suggerimenti personalizzati sulla base dell'attività dell'utente nelle altre app di Google. È comunque possibile per l'utente applicare tutte le variazioni che ritenesse opportune.


Tastiera Google, le novità della nuova Gboard - IlSoftware.it