7340 Letture

TeamViewer 10 in arrivo: le principali novità

TeamViewer 10, il celeberrimo software per il controllo remoto che consente di amministrare correttamente qualunque sistema senza preoccuparsi di aprire porte in ingresso sul router o sul firewall sta per essere rilasciato nella sua veste definitiva. Il vantaggio di TeamViewer rispetto ad altri software di amministrazione remota è proprio quello derivante dalla sua semplicità di utilizzo: basta avviare l'applicazione sul sistema che deve essere gestito e, allo stesso tempo, il modulo client.
Senza operazioni addizionali, limitandosi ad inserire identificativo numerico e password della macchina da gestire in remoto, si potrà immediatamente accedere al suo desktop.

I portavoce di TeamViewer ci hanno confermato ieri che la decima versione del programma sarà rilasciata a breve, nel giro di alcune settimane.

Per il momento, tutti gli interessati possono già prelevare la versione "beta", ancora potenzialmente instabile, che mostra però tutte le principali funzionalità di TeamViewer 10.


Con la più recente release della sua applicazione, TeamViewer vuole guardare sempre di più al mondo dei professionisti ed a quello delle imprese, indipendentemente dalle loro dimensioni proponendosi come strumento integrato per l'amministrazione dei sistemi, la loro manutenzione, il trasferimento di file e cartelle da una macchina all'altra, la videoconferenza, la messaggistica istantanea.

Per adesso TeamViewer non guarda al mondo esterno (non è quindi collegabile con altri sistemi di messaggistica) ma preferisce presentarsi come uno strumento "all-in-one", capace di assolvere non più solamente alle esigenze dell'amministratore di rete ma anche delle altre figure aziendali.

TeamViewer 10, quindi, oltre a confermare la presenza delle funzionalità per l'amministrazione remota di sistemi Windows, Mac OS X, Linux e Android, mette a disposizione degli utenti una funzionalità per l'organizzazione di veri e propri meeting online, con o senza condivisione del desktop o di una lavagna digitale.
La nuova release di TeamViewer punta infatti molto sulla possibilità di avviare, in qualsiasi momento, una videoconferenza con qualità HD od addirittura 4K (ove permesso dalla connessione di rete).
I meeting possono essere gestiti come meglio si crede, con la possibilità eventualmente di "chiudere la porta" ad ulteriori accessi bloccando così l'ingresso di nuovi partecipanti.
Attraverso un comodo pannello di controllo, TeamViewer 10 permette di stabilire quali utenti possano collegarsi e verso quali sistemi, connessi in rete locale, debba essere distribuito il software.


Da vero e proprio software che ambisce a portare sulla cloud buona parte dei flussi informativi di un'azienda, TeamViewer 10 non soltanto permette di trasferire facilmente file e cartelle tra sistemi remoti ma si apre anche a servizi quali Dropbox, Google Drive, OneDrive e Box: gli utenti potranno così condividere il materiale salvato su tali account ed utilizzare gli account "sulla nuvola" come supporto per la memorizzazione dei dati.

A beneficio degli sviluppatori, TeamViewer 10 fornisce anche delle speciali API che possono essere utilizzate per raccogliere informazioni in tempo reale sull'attività degli utenti. Grazie alle API di TeamViewer, ad esempio, si può integrare l'applicazione con le altre piattaforme usate in azienda consentendo ad esempio l'aggiunta di un pulsante che permetta di avviare una chiamata rapida o di verificare quali contatti sono online.

Le principali caratteristiche di TeamViewer 10 sono illustrate in questa pagina mentre da qui è possibile prelevare, in anteprima, la release "beta".

Maggiori informazioni su TeamViewer sono pubblicate nei seguenti nostri articoli di approfondimento:
- Controllo remoto di pc: gestione remota con TeamViewer 9.0
- Controllare Android da remoto con un PC, uno smartphone od un tablet

TeamViewer 10 in arrivo: le principali novità - IlSoftware.it