11282 Letture
Tor Browser, su Android adesso funziona senza Orfox e Orbot

Tor Browser, su Android adesso funziona senza Orfox e Orbot

Tor Browser per Android diventa un'applicazione a sé stante: per navigare in perfetto anonimato non serve più installare separatamente Orbot e Orfox.

Parlando di Tor Browser per Android qualche mese fa ci eravamo lasciati spiegando che il team di sviluppo era al lavoro su una versione dell'applicazione completamente indipendente dalle app Orfox e Orbot: Tor Browser per Android rilasciato in anteprima.
Scaricabile facendo riferimento a questa pagina, adesso Tor Browser in versione Android è diventata un'app completamente indipendente che non necessita più di alcun componente aggiuntivo per poter funzionare correttamente dai propri dispositivi mobili.

La rete Tor non ha bisogno di presentazioni: essa permette di inviare e ricevere dati in rete tutelando la propria privacy. Prima di raggiungere il sito web di destinazione, infatti, i pacchetti dati transitano attraverso più router anonimi (detti onion router) che, uno dopo l'altro, applicano un nuovo livello crittografico sopra quello precedente.
Il funzionamento dell'app è illustrato nel nostro articolo Tor Browser, cos'è e come funziona la nuova versione del programma al quale vi suggeriamo di fare riferimento.


Tor Browser, su Android adesso funziona senza Orfox e Orbot

Tor Browser è su desktop un programma del tutto indipendente: usa una versione ottimizzata e ampiamente personalizzata di Firefox che, appoggiandosi alla rete Tor, permette di presentarsi sui siti web di terze parti con un IP pubblico completamente differente (anche di un'altra nazione) rispetto a quello assegnato dal provider Internet prescelto. Inoltre, Tor Browser attiva automaticamente l'utilizzo del protocollo HTTPS ovunque sia possibile (grazie all'estensione HTTPS Everywhere) e fa uso di NoScript così da bloccare il caricamento di codice JavaScript sui siti web, in toto o in determinate circostanze.

Orbot era un modulo per Android che effettuava la connessione vera e propria alla rete Tor mentre Orfox era il browser, basato su Android, che permetteva di inviare e ricevere dati sulla rete Tor.

Da poco Tor Browser per Android combina tutti i componenti in un'unica applicazione e permette di navigare su Internet in maniera anonima installando e utilizzando la stessa app scaricabile da questa pagina.

Appena avviato Tor Browser per Android presenta il pulsante Connetti che consente di effettuare la connessione alla rete Tor (effettuando un'operazione di swiping verso sinistra si accederà ai log del collegamento).

Tor Browser per Android resta costantemente in esecuzione e nell'area delle notifiche del sistema operativo, in alto, mostra l'icona di una piccola cipolla: qui si può controllare i dati inviati e ricevuti oltre che richiede la creazione di una nuova identità sulla rete (New identity) con la conseguente assegnazione di un IP pubblico diverso.

Toccando il pulsante in alto a destra raffigurante tre puntini incolonnati, si possono ad esempio controllare i componenti aggiuntivi installati (Strumenti, Componenti aggiuntivi): di default HTTPS Everywhere e NoScript.
Scegliendo NoScript si può decidere il comportamento che il browser deve tenere nel caricamento dei contenuti JavaScript sui vari siti web mentre la voce Security settings permette di scegliere tra tre livelli di sicurezza. Quello intermedio fa sì che JavaScript sia disattivato su tutte le pagine non-HTTPS, che i contenuti multimediali non vengano mai riprodotti in automatico e che alcune fonti di carattere siano disabilitate.

Va tenuto presente che l'utilizzo di Tor Browser non attiva una VPN, neppure sui dispositivi Android: ciò significa che la navigazione risulterà anonima, sicura e protetta solo usando il browser integrato mentre utilizzando, ad esempio, l'app Chrome o altri prodotti, ci si presenterà sulla rete Internet con il proprio IP pubblico (quello assegnato dall'operatore di telecomunicazioni prescelto).
Verificarlo è facile: basta visitare la pagina check.torproject.org da Tor Browser e da Chrome o da altri browser installati sullo stesso dispositivo Android: in un caso si riceverà il messaggio "Congratulations, this browser is configured to use Tor" con l'indicazione dell'IP correntemente usato sul network Tor, nell'altro apparirà l'avviso "Sorry, you are not using Tor" con l'IP pubblico assegnato dal provider in uso (operatore di telecomunicazioni su rete mobile o fornitore dell'accesso Internet su connettività WiFi).


È infine opportuno ricordare che alcuni siti web non possono essere visitati usando Tor: spesso la scelta non è imputabile al gestore del singolo sito ma a una policy impostata a livello firewall dai provider. Maggiori dettagli nell'articolo Come aprire siti bloccati o che impediscono l'uso di Tor.

Tor Browser, su Android adesso funziona senza Orfox e Orbot