5561 Letture

USB Power Delivery: 100 Watt per alimentare qualunque hardware

Il 2014 potrebbe segnare l'arrivo dello standard USB Power Delivery (PD). L'idea è quella di liberarsi definitivamente di caricabatteria ed adattatori: una comune presa USB permetterà di alimentare dispositivi elettronici di più grandi dimensioni prevedendo un incremento dei valori di tensione e corrente in gioco. Grazie alla potenza di 100 Watt, il valore massimo al momento raggiungibile, si potranno alimentare senza problemi notebook, monitor e stampanti.
La diffusione di USB PD (che, secondo le stime, dovrebbe iniziare a prendere piede solamente nel 2015) permetterà di ridurre notevolmente i rifiuti elettronici eliminando la necessità di utilizzare caricabatterie e trasformatori di tipo proprietario. Un obiettivo, questo, ancora lontano da raggiungere perché molto probabilmente i produttori di hardware potrebbero continuare ad inserire nelle confezioni dei loro dispositivi caricabatterie di tipo tradizionale ancora per lungo tempo.


L'indiano Ajay Bhatt, coinventore dell'interfaccia USB, è convinto del successo che potrà riscuotere Power Delivery. Bhatt ricorda che USB può veicolare sia energia che dati: un computer, ad esempio, può quindi pilotare un altro hardware alimentato via USB stabilendo per quanto tempo debba essere alimentato. Una possibilità che ben si inserisce nell'ottica dell'"Internet delle cose" (gli oggetti si rendono riconoscibili e acquisiscono intelligenza grazie al fatto di poter comunicare dati fra di sé ed accedere ad informazioni aggregate da parte di altri).

Bhatt, che ha inventato l'interfaccia USB ormai 20 anni fa, ha aggiunto che il prossimo passo consiste nel rendere il cavo USB "flippable": il connettore USB potrà essere ugualmente collegato in un verso o nell'altro (cosa che oggi non è possibile). L'auspicio di Bhatt è comunque quello di vedere, nel prossimo futuro, accanto alle tradizionali prese a due o tre poli anche il connettore USB a muro.

  1. Avatar
    AndreaC
    24/10/2013 18:55:16
    Certamente. Il profilo 100w viene garantito a 20V 5A. Ovviamente stiamo parlando di cavi progettati per sostenere quelle tensioni e correnti. Tieni conto che lo standard richiede cavi con un firma elettronica che viene verificata dalla porta UsB prima di fornire quella potenza.
  2. Avatar
    francescodue
    24/10/2013 12:13:42
    Supponendo una tensione di 12V per avere 100W occorrono oltre 8A. Secondo me i fili del cavo si sciolgono per il calore generato (provate a tastare il cavo di alimentazione di una lavatrice in funzione). Vorrei qualche dettagli che mi sconfessi.
  3. Avatar
    AndreaC
    24/10/2013 10:58:35
    Grazie, ho apprezzato l'articolo. Noi stiamo lavorando da 1 anno in questa nuova tecnologia e speriamo vivamente che decolli. Ho partecipato al INTEL Forum 2013 a San Francisco e ho visto con piacere alcune grandi aziende di semiconduttori presentare "prodotti" USB-PD più o meno completi (intendo circuiti integrati, IC). Tutti auspicano di vedere prodotti negli scaffali alla fine del 2014. Più realisticamente metà del 2015. Seguo con piacere la discussione, disponibile a dare il mio contributo. Andrea
  4. Avatar
    Gabriele B.
    24/10/2013 05:47:12
    Adattatori-multipli con più prese (non posso fare pubblicità della ditta, peraltro molto diffusa) con incorporato attacco USB da muro, comunque, ne esistono già da qualche anno in commercio. Sono molto comode perché per ricaricare, ad es., le batterie cellulari (senza l'uso del trasformatore allegato), le batterie di lettori mp3, la batteria del navigatore GPS, ecc. ecc. Il tutto senza dover ricorrerere sistematicamente ad una presa USB del computer. Decisamente una buona trovata. :approvato:
USB Power Delivery: 100 Watt per alimentare qualunque hardware - IlSoftware.it