53575 Letture

VoIP su fibra TIM con un altro modem VDSL

È un aspetto ancora davvero poco noto ma è interessante evidenziarlo, a beneficio di chiunque utilizzi una connessione in fibra ottica TIM.
Da qualche tempo è possibile usare la fibra Telecom con un altro modem attivando anche la parte VoIP.
Nel caso della sua connettività in fibra (VDSL), TIM non fornisce le credenziali per la gestione della linea VoIP con router-modem diversi da quello fornito insieme con l'abbonamento.

Chi, sino ad oggi, ha preferito usare router di terze parti - dotati di un maggior numero di funzionalità - doveva necessariamente approntare una configurazione in cascata per non perdere le funzionalità VoIP di TIM (possibilità di effettuare e ricevere chiamate).

VoIP su fibra TIM con un altro modem VDSL

Fino a qualche tempo fa era emerso che utilizzando il modem VDSL "top di gamma" di AVM - il popolare Fritz!Box 7490 (offerto su Amazon, per il momento, al prezzo speciale di 199 euro) -, era possibile richiedere a TIM l'autoconfigurazione della linea VoIP.


Così facendo, si poteva usare il router-modem di AVM come unico dispositivo per negoziare la connessione a banda ultralarga, per la gestione della sezione VoIP e della LAN sostituendolo al dispositivo fornito da TIM.
Nel frattempo, però, in alcune zone d'Italia (in particolare al nord), il meccanismo che si basava sulla modifica dei parametri di autoconfigurazione del dispositivo AVM (specifiche TR-069) non funziona più.

Configurare il VoIP della fibra ottica di TIM (VDSL) su un modem diverso

Da qualche tempo è però possibile configurare il VoIP della fibra TIM su qualunque router di terze parti e quindi non soltanto sui Fritz!Box di AVM.

La procedura è un po’ complessa e laboriosa ma necessita solamente dell'utilizzo di un apparato compatibile SIP e di alcuni strumenti software che permettono di recuperare i propri dati di autenticazione VoIP.

Diversamente da quanto si poteva inizialmente ritenere, i dati per l'autenticazione VoIP non viaggiano su un VPI/VCI a sé ma vengono trasportati via IP.

I passaggi per ottenere i dati di autenticazione VoIP per la propria utenza TIM in fibra ottica sono quindi i seguenti:

1) Installare il software sniffer Charles effettuandone il download da questa pagina.

2) Nella finestra Proxy settings di Charles, attivare la casella Enable transparent HTTP proxying.

VoIP su fibra TIM con un altro modem VDSL

3) Nella schermata SSL Proxying settings assicurarsi che sia spuntata la casella Enable SSL proxying quindi cliccare sul pulsante Add e inserire un asterisco (*) in entrambi i campi presenti.

VoIP su fibra TIM con un altro modem VDSL

La schermata dovrebbe presentarsi così come in figura.

4) Scaricare e installare l'app Telefono di TIM su un dispositivo Android. Utilizzare solo ed esclusivamente la versione 16.06 perché le successive restituiscono errore con l'utilizzo del proxy e del certificato di Charles. Il download può essere effettuato da questa pagina.

5) Portarsi nelle impostazioni di rete sul dispositivo mobile ove si è installata l'app Telefono di TIM quindi cercare Proxy (accertarsi che il dispositivo sia collegato via WiFi alla stessa rete locale sulla quale è attestato il PC con Charles).

VoIP su fibra TIM con un altro modem VDSL

Qui si dovrà inserire l'IP privato (locale) del PC ove si è installato ed è in esecuzione il software sniffer Charles.
Così facendo, tutto il traffico dati da e verso il dispositivo mobile, transiterà sempre attraverso l'applicazione Charles, che provvederà ad analizzarlo.
Negli appositi campi per la configurazione del proxy, oltre all'IP del PC locale ove si è installato Charles, si dovrà specificare la porta 8888.

6) Nelle impostazioni di rete del dispositivo mobile, inoltre, si dovranno specificare manualmente i seguenti server DNS (entrambi appartenenti a TIM):

151.99.0.100
151.99.125.1


Su Android bisognerà toccare sulla configurazione DHCP, selezionare Statico quindi introdurre gli IP dei server DNS indicati in precedenza.

7) Portarsi su PC e autorizzare, su Charles, le richieste di connessione provenienti dallo smartphone (pulsante Allow).

8) Installare manualmente, sul dispositivo mobile, il certificato SSL di Charles scaricabile da questa pagina e verificare di riuscire a navigare un qualunque sito web HTTPS dal browser installato sullo smartphone.
Si porrà così in essere, di fatto, un man-in-the-middle in ambito locale, approccio peraltro ultimamente utilizzato da molti software antivirus per sottoporre a scansione anche il traffico HTTPS.

9) Avviare l'app Telefono di TIM sul dispositivo mobile e procedere con la registrazione del numero di telefono fisso associato all'utenza in fibra ottica.

10) A procedura di autenticazione conclusa, cercare su Charles l'indirizzo https://regman-telefono.interbusiness.it:10800 nella scheda Structure.
Dopo aver selezionato tale indirizzo, portarsi nelle schede Contents e Headers del pannello di destra: qui si troveranno i dati per l'autenticazione della propria utenza VoIP/SIP TIM.


11) Al prompt dei comandi digitare quanto segue, in sequenza (premendo il tasto Invio a ogni riga):

nslookup
server 151.99.0.100
set q=srv


Inserire quindi l'indirizzo del server indicato da Charles in corrispondenza della riga P-CSCF_Address anteponendo la stringa _sip._udp. (esempio: _sip._udp.dXXXsX.co.imsw.telecomitalia.it) e premere ancora Invio.

12) Annotare quanto indicato accanto alla voce svr hostname in corrispondenza del server con priorità 10 (priority=10).

13) Sempre dal prompt di nslookup digitare:

set q=a

Specificare quindi, alla riga successiva, l'srv hostname letto in precedenza in corrispondenza del server con priorità 10 (priority=10).

14) Dopo aver premuto il tasto Invio, si otterrà l'indirizzo IP del proxy VoIP di TIM. Si dovrà annotare anche questo IP.

15) Digitando exit si potrà quindi chiudere nslookup.

16) Ottenuti tutti i dati di autenticazioni, basterà portarsi nel pannello di amministrazione del proprio router VoIP o dispositivo VoIP/SIP quindi digitare:

- Come "nome utente" SIP quanto rilevato in Charles accanto a private_user_identity.
- Come "password" la stringa estratta da X_TELECOMITALIA_IT_AuthPassword.
- Come "registrar" quanto rilevabile accanto alla dizione Home_network_domain_name.
- Come "server proxy", l'indirizzo IP ottenuto al passaggio 14).

17) A questo punto, si potrà disinstallare Charles e rimuovere le impostazioni per server proxy e DNS dal dispositivo mobile Android.

Come indicato al punto 16), i parametri VoIP della linea fibra TIM possono essere utilizzati non soltanto su un qualunque router con funzionalità VoIP integrate ma anche su centralini e semplici telefoni VoIP/SIP come il classico GrandStream.
Il telefono SIP, tuttavia, non potrà essere utilizzato su una linea diversa da quella per cui sono valide le credenziali VoIP estratte in precedenza.


La presente guida è stata realizzata traendo spunto dalle indicazioni dell'utente gandalf2016, pubblicata a questo indirizzo in formato PDF.


  1. Avatar
    bestiaccia1965
    03/01/2017 18:05:02
    L'ho letto in due forum. Non qui. Non so se posso inserire qui i link. Se tu mi dici che autoconfigura anche per il voip ......ok. Io abito in Veneto
  2. Avatar
    MaxZ
    02/01/2017 21:08:59
    Dove lo hai letto?
  3. Avatar
    bestiaccia65
    02/01/2017 00:24:43
    Ho letto in altri forum che al nord non funziona . E' vero? Grazie . Spendere 200 euro per poi usarlo solo in cascata ....no! :approvato:
  4. Avatar
    MaxZ
    31/12/2016 23:47:12
    Attualmente il Fritz 7490 è l'unico in grado di gestire il VoIP su fibra TIM
  5. Avatar
    bestiaccia65
    30/12/2016 23:20:43
    Aggiornamenti a oggi? Grazie