Sconti Amazon
venerdì 17 settembre 2021 di 7626 Letture
WhatsApp senza telefono e su più dispositivi: come funziona

WhatsApp senza telefono e su più dispositivi: come funziona

WhatsApp diventa multidispositivo e può essere utilizzato anche con lo smartphone spento o disconnesso dalla rete Internet. Come funziona il nuovo schema.

WhatsApp ha finalmente deciso di integrare nel client di messaggistica più utilizzato al mondo una nuova funzione, al momento in versione beta, che permette di servirsi dell'applicazione per inviare e ricevere anche senza un telefono alla rete.

Fino ad oggi se si era soliti adoperare WhatsApp Web su PC per poter scambiare messaggi si doveva tenere necessariamente collegato lo smartphone alla rete Internet.

WhatsApp senza telefono e su più dispositivi: come funziona

Aggiornando WhatsApp all'ultima versione quindi toccando i tre puntini in alto a destra e selezionando Dispositivi collegati si troverà il pulsante Multi-dispositivo. Con un tocco sul pulsante Usa la versione beta si può utilizzare WhatsApp su più dispositivi con lo stesso account senza dover neppure mantenere collegato lo smartphone alla rete Internet.

WhatsApp senza telefono e su più dispositivi: come funziona

Cosa cambia con WhatsApp multidispositivo

Prima di attivare il supporto multidispositivo di WhatsApp è bene mettere a fuoco che cosa cambia accettando il nuovo schema di funzionamento del client di messaggistica:

  • Attivata la beta multidispositivo di WhatsApp i dispositivi aggiuntivi devono essere ricollegati. Abilitando l'architettura multidispositivo di WhatsApp tutti i client aggiuntivi connessi in precedenza dovranno essere ricollegati inquadrando il relativo codice QR.
  • WhatsApp resta utilizzabile da un unico smartphone. L'applicazione non può essere quindi installata su più telefoni per usare lo stesso account, che resta comunque legato al numero di telefono dell'utente.
  • WhatsApp si può usare su un numero massimo di 4 dispositivi con lo stesso account in aggiunta al telefono. Si possono quindi inviare e ricevere messaggi con WhatsApp ricorrendo alla versione web dell'applicazione (WhatsApp Web), con il client standalone WhatsApp Desktop per Windows e macOS, con il display smart Facebook Portal. I 4 dispositivi vengono considerati come aggiuntivi rispetto all'installazione dell'app WhatsApp lato smartphone.
  • Lo scambio di messaggi da web e desktop può avvenire solo con chi ha aggiornato WhatsApp. Se i propri contatti non avessero ancora aggiornato WhatsApp all'ultima versione non sarà possibile scambiare messaggi con loro da WhatsApp Web, Desktop e Portal.
  • Lo smartphone può essere disconnesso dalla rete. Con la nuova architettura multidispositivo lo smartphone sul quale è stata installata l'app WhatsApp può essere disconnesso dalla rete Internet (ad esempio posto in modalità aereo). Tutti i client collegati (fino a 4) verranno però automaticamente disconnessi nel caso in cui lo smartphone non venisse ricollegato alla rete Internet per oltre 14 giorni consecutivi.
  • Mancato supporto di alcune funzionalità. Nella versione beta multidispositivo WhatsApp non supporta ancora la condivisione della posizione in tempo reale, non è possibile "fissare" in alto le chat su WhatsApp Web e Desktop, non si possono gestire inviti di gruppo da Web e Desktop (va necessariamente usato il telefono), non si possono effettuare chiamate da Portal verso utenti che non usano la versione di WhatsApp multidispositivo.

L'attivazione della beta multidispositivo di WhatsApp non è comunque una strada senza ritorno: dopo aver premuto il pulsante Usa la versione beta si può tornare in qualunque momento all'impostazione classica del client di messaggistica nel caso in cui si dovessero rilevare problemi. Basta semplicemente selezionare di nuovo Dispositivi collegati quindi Multi-dispositivo e infine il pulsante Abbandona la versione beta.

Da oggi, quindi, se lo smartphone non fosse collegato con la rete oppure la sua batteria risultasse completamente scarica si potrà comunque continuare a usare il client di messaggistica dai dispositivi collegati con WhatsApp Web, WhatsApp Desktop o Facebook Portal.

Crittografia end-to-end comunque garantita secondo WhatsApp: ecco perché

Con il vecchio schema di funzionamento tra ciascun utente veniva stabilita una connessione cifrata end-to-end utilizzando un sistema a chiave asimmetrica. Le chiavi private venivano generate sui singoli smartphone con la chiave pubblica condivisa tra un dispositivo e l'altro.

WhatsApp faceva però perno sullo smartphone ma ora che ogni dispositivo collegato con lo stesso account fa storia a sé come può la crittografia end-to-end continuare a funzionare?

Con il nuovo schema ogni dispositivo ha ora una sua specifica chiave identificativa: i server di WhatsApp mantengono memorizzate le informazioni sulla corrispondenza tra l'account di ogni utente e tutte chiavi identificative dei suoi dispositivi.

Quando un utente invia un messaggio a un suo contatto su WhatsApp il suo dispositivo ottiene automaticamente le chiavi identificative dall'elenco dei dispositivi memorizzati su server.

WhatsApp senza telefono e su più dispositivi: come funziona

Con WhatsApp multidispositivo il mittente del messaggio, tramite l'app, crittografa il contenuto da trasmettere e lo invia N volte a N dispositivi diversi del destinatario, quelli che appunto risultano negli elenchi lato server (approccio client-fanout). Ogni messaggio viene crittografato individualmente e nessuna comunicazione viene conservata sul server dopo l'avvenuta consegna.

Per i gruppi WhatsApp usa ancora lo stesso schema di crittografia scalabile previsto nel protocollo Signal messo a punto da Moxie Marlinspike.

La cronologia dei messaggi e gli altri dati sullo stato dell'applicazione (nomi dei contatti, se una chat è stata archiviata o se un messaggio indicato come preferito) sono informazioni che vengono sincronizzate in maniera indipendente e trasferite tra i vari dispositivi non appena ciò diventa possibile (ad esempio quando un dispositivo viene acceso o diventa di nuovo raggiungibile). La comunicazione tra dispositivi avviene in ogni caso in modalità end-to-end.

Dopo che il dispositivo ha scaricato, decodificato, decompresso e memorizzato i messaggi, le chiavi vengono cancellate; da quel momento il dispositivo accede alla cronologia dei messaggi facendo riferimento al proprio database locale.

WhatsApp spiega che per altri dati è richiesto più di un trasferimento iniziale: c'è ad esempio bisogno di una sincronizzazione continua ogni volta che qualcuno modifica lo stato dell'applicazione (ad esempio quando si aggiunge un nuovo contatto, si disattiva una chat o si crea un messaggio).

La piattaforma di messaggistica memorizza quindi una copia dello stato dell'applicazione alla quale possono accedere tutti i dispositivi autorizzati dall'utente e indicati nella schermata Dispositivi collegati. Le informazioni e i metadati sono crittografati end-to-end con chiavi che cambiano costantemente e che sono conosciute soltanto ai dispositivi dell'utente.


Buoni regalo Amazon
WhatsApp senza telefono e su più dispositivi: come funziona - IlSoftware.it