2710 Letture
Windows 10, Edge e Mozilla Firefox abbracciano il formato WebP di Google

Windows 10, Edge e Mozilla Firefox abbracciano il formato WebP di Google

Dopo Microsoft anche Mozilla decide di arricchire il suo browser con il supporto per il formato WebP usato per le immagini sul web.

Windows 10 sta via a via abbracciando nuovi formati video: dopo HEIC (Cos'è HEIF (o HEIC). Quali le novità del nuovo formato per le immagini) con Windows 10 Aggiornamento di ottobre 2018 è la volta di WebP.

Presentato a suo tempo da Google (Comprimere le immagini JPEG fino al 35% in più senza perdere qualità), WebP è ovviamente supportato da Chrome, Chromium e dagli altri browser derivati (come per esempio Opera).

Windows 10, Edge e Mozilla Firefox abbracciano il formato WebP di Google

Dopo la mossa di Microsoft, anche Mozilla Firefox supporterà direttamente il formato WebP sia sui sistemi Windows che su Android mentre rimarranno invece fuori dai giochi gli utenti di iOS.


Se quindi Chrome, Firefox ed Edge permetteranno la visualizzazione e la gestione di immagini WebP, a questo punto l'unico browser a non essere della partita è Apple Safari.

Presentato per la prima volta ormai otto anni fa, WebP è stato progettato dai tecnici di Google nell'intento di rendere la consultazione dei siti web ancora più veloce.
Il supporto di un nuovo formato è ovviamente una scommessa: una volta che WebP sarà adottato non si tornerà indietro perché farlo significherebbe, in futuro, impedire il corretto caricamento di tutte le pagine web che usano tale formato.

Mozilla è impegnata a supportare un altro nuovo formato - AVIF - attualmente in fase di sviluppo. Mentre WebP è stato creato da Google sfruttando la tecnologia di compressione video VP8, AVIF è basato sul nuovo formato video AV1, voluto da un'"alleanza" di aziende piuttosto ampia. Il gruppo, chiamato Alliance for Open Media, vede la partecipazione di Mozilla e di nomi quali Google, Apple, Microsoft, Cisco, Amazon, Netflix e Facebook.

Windows 10, Edge e Mozilla Firefox abbracciano il formato WebP di Google