2439 Letture
Il processore A10X Fusion dei nuovi iPad Pro è fabbricato a 10 nm

Il processore A10X Fusion dei nuovi iPad Pro è fabbricato a 10 nm

Il processore utilizzato da Apple per i suoi nuovi iPad Pro aveva destato non poca curiosità: eccone le principali caratteristiche.

Apple continua a godere di un vantaggio competitivo rispetto ai rivali. Le ottimizzazioni lato software e la scarsissima frammentazione dei dispositivi appartenenti al "mondo iOS" hanno permesso alla Mela di tenere testa ai prodotti a cuore Android utilizzando hardware complessivamente inferiore. Lo abbiamo evidenziato nell'articolo Meglio iPhone o smartphone Android top di gamma? Non si guardino le specifiche.

Il processore A10X Fusion dei nuovi iPad Pro è fabbricato a 10 nm

Il lancio del nuovo iPad Pro ha suscitato non poca curiosità anche per ciò che concerne il processore su cui si basa, un A10X Fusion con tre core ad elevate prestazioni e altri tre a risparmio energetico.
Nonostante le performance migliorate e la GPU più potente rispetto all'A10 Fusion che "equipaggia" l'iPhone 7, A10X Fusion occupa meno spazio rispetto al predecessore.


Sembrava ovvio che Apple fosse passata a un processo costruttivo a 10 nm affidandosi a TSMC e, adesso, quest'aspetto appare palese.

L'A10 Fusion occupa una superficie di 125 mm2 mentre A10X Fusion si ferma a 96,4 mm2. Un valore nettamente inferiore rispetto ai 143,9 mm2 dell'A9X usato per gli iPad Pro della scorsa generazione.

Il processore A10X Fusion lavora a una frequenza di clock di 2,36 GHz e dispone di una GPU a 12 core, di 8 MB di cache L2 (un bel balzo in avanti rispetto ai 3 MB dell'A9X).

Il processore A10X Fusion dei nuovi iPad Pro è fabbricato a 10 nm - IlSoftware.it