144658 Letture

Masterizzare l'impossibile: CloneCD, BurnAtOnce, CDBurnerXP e DVD Shrink

Se una volta l'operazione di masterizzazione era possibile ricorrendo quasi esclusivamente a tre o quattro programmi particolarmente in voga, oggi l'offerta in tal senso si è enormemente ampliata. I motivi sono essenzialmente riconducibili alla diffusione di nuovi formati, al grande interesse creatosi nei confronti dei supporti DVD, alle nuove tecnologie ideate dai vari produttori a tutela dei contenuti.

Nelle pagine che seguono vi presentiamo alcuni software, gran parte dei quali assolutamente gratuiti, in grado di essere utilizzati a tutto campo. Sebbene Nero Burning Rom rappresenti da anni uno dei programmi più conosciuti ed impiegati quando si parla di masterizzazione, vogliamo presentarvi una serie di strumenti che non solo costituiscono valide alternative ma che anche integrano funzionalità vacanti, ad esempio, nel software di Ahead.

CloneCD e BurnAtOnce sono strumenti creati per avere il massimo controllo sui dati che vengono letti dai supporti che si desidera copiare e su quelli che debbono essere "scolpiti". L'utilizzo della modalità di lettura RAW ed una stretta interazione con il masterizzatore, permette, mediante l'uso di questi programmi, di ottenere copie di backup perfettamente fedeli agli originali (possibilità assai utile, ad esempio, per ridare "vita" a CD ormai rovinati).
DVD Shrink, invece, è un software che focalizza la sua attenzione sui DVD video. Ricorrendo a questo software è possibile regolare tutti gli aspetti che precedono la fase di masterizzazione vera e propria. A mero titolo esemplificativo, DVD Shrink consente, tra le varie possibilità, di scegliere i contenuti che si desiderano successivamente masterizzare, impostare il livello di compressione video, operare un "authoring" sul prodotto finale.
CDBurnerXP Pro è un programma gratuito che, visionando com'è strutturato il software, sembra voler ricalcare le orme di Nero Burning Rom ottimizzando, se possibile, alcune funzionalità.

CloneCD


CloneCD sembrava un software ormai defunto. La società Elaborate Bytes ne aveva infatti dichiarato, con un comunicato ufficiale sul suo sito web, l'interruzione dello sviluppo e della sua commercializzazione a seguito della nuova legislazione emanata in Germania a tutela delle opere protette da copyright. Slysoft, società con sede nelle isole Antigua, ha poi - con una mossa inattesa - acquistato i software di Elaborate Bytes riprendendone la veicolazione e lo sviluppo tanto da sfornare la quinta versione di uno dei più famosi software per la creazione di copie di backup di CD.

La veste grafica della nuova versione non cambia molto rispetto alle precedenti ma le novità incluse sono davvero molte.
CloneCD può "duplicare", infatti, non più solo CD ma anche altri formati come DVD-R, DVD-RW, DVD+R, DVD+RW,DVD+R Dual Layer e DVD-RAM. Vi è la possibilità di creare copie di backup di supporti protetti con SafeDisc 3, di creare immagini in formato .ISO di qualsiasi DVD, di usare masterizzatori e supporti Dual Layer.
CloneCD può essere liberamente utilizzato per un periodo di 21 giorni dal momento dell'installazione: successivamente, se si intende continuare ad utilizzarlo, si dovrà provvedere alla registrazione a pagamento.

La peculiarità principale del programma consiste nel fatto che CloneCD è in grado di leggere i supporti utilizzando la modalità RAW ("grezza"): ciò implica un controllo completo sui dai che vengono masterizzati. Semplificando, CloneCD consente quindi di effettuare copie di backup anche di CD che sfruttino sistemi di protezione. A tal proposito, il software offre già una serie di "profili" di masterizzazione preimpostati: l'utente deve solo scegliere la categoria di appartenenza del CD ROM del quale intende creare una copia di backup e avviare la procedura di lettura o di scrittura dei dati. I più esperti hanno la possibilità di creare nuovi profili interagendo direttamente con il comportamento delle periferiche collegate al personal computer (masterizzatori e lettori CD/DVD).

Proprio grazie a queste impostazioni, è possibile - ad esempio - creare una copia "sana" a partire da CD o DVD fisicamente rovinati oppure "scolpire" un CD di backup compatibile, ad esempio, con il lettore installato sulla nostra autovettura.
Nella fase di installazione verificate che sia attivata la casella associata alla funzione Virtual CloneDrive. Dopo l'installazione di CloneCD, sulla traybar, l'area situata nella barra delle applicazioni di Windows, generalmente in basso a destra -, troverete una nuova icona: cliccando su di essa si avrà accesso ad un menù ricco di funzionalità aggiuntive: Virtual CloneDrive consente di creare un'unità virtuale in Risorse del computer col contenuto di un'immagine creata con CloneCD.

1. Primi passi con CloneCD
La finestra principale di CloneCD è estremamente compatta: essa contiene solo tre menù e quattro grandi pulsanti. I pulsanti, da sinistra verso destra, consentono rispettivamente di leggere il contenuto di un CD creando un file d'immagine su disco fisso; di masterizzare un CD a partire da un file d'immagine; di copiare un CD "al volo"; di cancellare il contenuto di un CD riscrivibile.


2. Selezione della periferica
Una volta selezionato un pulsante, a seconda dell'operazione che si desidera compiere, CloneCD mosterà una finestra simile a quella in figura specificando l'elenco delle periferiche utilizzabili. Cliccando col tasto destro del mouse sull'unità selezionata quindi scegliendo Impostazioni sarà possibile configurare il comportamento della periferica. Cliccando su Avanti si accederà ad una finestra che mostrerà alcune tipologie di copie predefinite.


3. I profili di scrittura
Scegliete la tipologia di copia che meglio rispecchia il contenuto del vostro CD/DVD. E' bene notare che cliccando con il tasto destro del mouse all'interno di questa finestra quindi selezionando Nuovo, è possibile creare un nuovo profilo di masterizzazione, più adatto alle proprie esigenze. Il profilo è configurabile cliccando con il tasto destro e scegliendo la voce Personalizza.


4. Creazione del file d'immagine o masterizzazione diretta
Nel caso in cui abbiate scelto la creazione dell'immagine su disco fisso, attivando la casella Crea formato "cue" al termine della lettura vi ritroverete due file, uno con estensione .bin, l'altro con estensione .cue: si tratta di un formato ampiamente usato da molti software. Nel caso in cui si sia scelta la masterizzazione su CD comparirà una nuova finestra per la scelta del profilo di scrittura.


Creazione di profili personalizzati. CloneCD è un software particolarmente potente perché permette di personalizzare in profondità le modalità di lettura e di scrittura di CD e DVD. Non appena si accede alla finestra per la lettura o la scrittura di un qualsiasi supporto CD/DVD e dopo aver selezionato l'unità che si desidera utilizzare allo scopo, CloneCD propone una serie di profili reimpostati (Audio CD, Data CD, Game CD, Multimedia Audio CD, Protected PC Game, DVD): ciascuno di essi è ottimizzato per effettuare correttamente la quasi totalità dei CD/DVD con i quali si ha a che fare. Gli utenti più smaliziati tengano comunque presente che è possibile creare profili personalizzati ancor più adatti alle proprie esigenze. Dopo aver creato un nuovo profilo, fatevi clic col tasto destro del mouse e selezionate Impostazioni: l'opzione Leggi sottocanale dati delle tracce dati consentirà di creare una copia di backup di CD che utilizzino ID digitali (che normalmente, con le normali procedure, non vengono copiati) mentre Settori dati rigenerati può risultare molto utile nel caso di supporti originali che paiono molto danneggiati (i.e. graffi). Per quanto riguarda l'estrazione di tracce audio, ricordate che scegliendo una qualità di estrazione più bassa potreste essere in grado di copiare rapidamente le tracce da CD molto rovinati.

Ulteriori opzioni si hanno nella finestra per la scrittura del supporto: selezionando l'opzione Amplify dal menù a tendina Weak sectors sarà possibile creare una copia di backup di alcuni tipi di CD mentre Non riparare sottocanale dati è certamente da attivare nel caso di abbia a che fare con CD dotati di ID digitali.


Masterizzare l'impossibile: CloneCD, BurnAtOnce, CDBurnerXP e DVD Shrink - IlSoftware.it