Sconti Amazon
mercoledì 12 gennaio 2022 di 3142 Letture
UltraRAM: memoria volatile e storage fusi in un unico componente

UltraRAM: memoria volatile e storage fusi in un unico componente

I ricercatori britannici che hanno ideato la memoria UltraRAM descrivono i progressi della tecnologia che permetterà di unire DRAM e storage flash in un unico componente.

Ad aprile 2021 avevamo pubblicato un articolo in cui spiegavamo in breve cos'è la memoria UltraRAM e quali sono i principi di base che ne regolano il funzionamento.

Con UltraRAM si vuole introdurre il concetto di memoria universale prendendo il meglio delle caratteristiche peculiari delle DRAM e delle flash per creare un dispositivo di memorizzazione non volatile capace di offrire prestazioni di primo livello.

La fusione di RAM e storage non è un'idea nuova e se ci pensate qualcosa di simile è stato realizzato con Intel Optane.

I ricercatori britannici che si sono occupati della progettazione e dello sviluppo della tecnologia UltraRAM hanno annunciato i progressi sin qui compiuti.

Gli accademici del Dipartimento di Fisica e Ingegneria della Lancaster University hanno innanzi tutto descritto la loro invenzione come "una tecnologia che combina la non volatilità di una memoria di archiviazione dati come flash con la velocità, l'efficienza energetica e la durabilità di una DRAM".

I materiali usati per produrre UltraRAM sono gli stessi semiconduttori composti che si utilizzano nei dispositivi optoelettronici come LED, laser, fotodiodi e fototransistor. La "svolta" consiste nel migliorare le prestazioni ricorrendo a substrati di silicio invece di wafer di arseniuro di gallio che possono essere fino a 1000 volte più costosi.

UltraRAM: memoria volatile e storage fusi in un unico componente

Secondo i ricercatori d'Oltremanica le memorie UltraRAM sarebbero molto affidabili: vengono stimati tempi di conservazione superiori addirittura ai 1000 anni e i test di laboratorio hanno evidenziato che le UltraRAM sopportano più di 107 cicli program/erase senza evidenziare problemi.

Grazie al fatto di essere una RAM non volatile UltraRAM potrebbe memorizzare dati senza necessità di alimentazione pur conservando le prestazioni delle SDRAM odierne.

Il quadro sembra incoraggiante ma ovviamente c'è ancora tanta strada da percorrere: vale la pena ricordare che in molti hanno provato a presentare nuove promettenti tecnologie per la gestione dei dati ma nessuno è ancora riuscito a renderle standard e a stimolarne l'adozione di massa.

Samsung, Kioxia e Western Digital hanno anch'esse in progetto un'integrazione simile a quella proposta con UltraRAM puntando sulla tecnologia XL-FLASH per le future soluzioni di archiviazione enterprise e consumer.

Finora, però, nessuna azienda è stata in grado di realizzare un prodotto commerciale di successo.

Il caching che sfrutta la memoria flash è utilizzato già da tempo per migliorare le prestazioni degli hard disk e di unità più lente. Tutti gli attuali SSD hanno inoltre una cache aggiuntiva, di piccole dimensioni, ma molto veloce: da qui l'idea di unire tutto in un unico componente molto vicino al processore.

Maggiori informazioni su UltraRAM sono reperibili in questa pagina.


Buoni regalo Amazon
UltraRAM: memoria volatile e storage fusi in un unico componente - IlSoftware.it