5488 Letture
WiFi Italia, collegarsi gratuitamente alla rete Internet grazie agli hotspot federati

WiFi Italia, collegarsi gratuitamente alla rete Internet grazie agli hotspot federati

Per il momento sono ancora pochi gli hotspot wireless che permettono di collegarsi a Internet con le stesse credenziali d'accesso. In futuro, però, MIBACT e AgID hanno in programma di collegare circa 28.000 reti WiFi.

Finalmente il progetto WiFi Italia vede la luce. Annunciato a fine 2016 (Nel 2017 WiFi statale gratuito con 28.000 hotspot), WiFi Italia ha come obiettivo quello di fornire a cittadini e turisti la possibilità di collegarsi a Internet gratuitamente, usando un hotspot wireless.

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MIBACT) e l'AgID, Agenzia per l'Italia Digitale, hanno pensato a un sistema federato che faciliti la connessione a tutte le reti WiFi dislocate sul territorio italiano usando le stesse credenziali d'accesso.

WiFi Italia, collegarsi gratuitamente alla rete Internet grazie agli hotspot federati

Inizialmente faranno parte del progetto WiFi Italia solo le reti wireless di proprietà delle amministrazioni locali e degli enti pubblici ma l'iniziativa è aperta anche ai privati che potranno condividere un po’ di banda con gli utenti registrati.


Con WiFi Italia si mira ad ampliare la rete di accessi Wi-Fi, in particolare nei luoghi del turismo e della cultura.
Quando il progetto sarà a regime, inoltre, il Ministero potrà contare su un ricco database contenente le informazioni sulle connessioni operate dagli utenti in tutto il Paese.
I dati, opportunamente resi anonimi e gestiti in forma aggregata, permetteranno di studiare comportamenti e preferenze degli utenti traendo importanti indicazioni sui luoghi di maggiore interesse e sulle aree che meritano ulteriori investimenti.

Al momento l'accesso a WiFi Italia si concretizza installando l'app per Android o quella per iOS e registrandosi con nome utente (email) e password.
Inizialmente si faceva riferimento anche all'accesso mediante account SPID ma, evidentemente, gli sviluppatori non hanno fatto in tempo a includere anche questa possibilità.
Sul sito ufficiale di WiFi Italia si spiega che l'autenticazione mediante SPID sarà possibile con le prossime versione dell'app.


Il progetto è stato sviluppato e curato da Infratel Italia, che ne seguirà anche le future evoluzioni.

Fino a qualche mese fa si parlava di circa 28.000 hotspot WiFi federati. Al momento, però, la mappa di WiFi Italia mostra soltanto alcune decine di punti in cui è possibile collegarsi a Internet, in modalità wireless senza spendere un centesimo.

Alcuni utenti hanno segnalato non poche difficoltà ad inserire la propria data di nascita in fase di registrazione: in realtà basta toccare l'anno per completare il passaggio in pochi secondi. È vero, non è il massimo dell'usabilità la registrazione a WiFi Italia si conclude così in poco tempo.

Maggiori informazioni sono disponibili a questo indirizzo.