2607 Letture
Firefox 54 punta su Electrolysis e separa i siti web dal resto del browser

Firefox 54 punta su Electrolysis e separa i siti web dal resto del browser

Il browser di Mozilla diventa più veloce e più stabile: gli sviluppatori hanno infatti lavorato per migliorare la separazione tra pagine web e funzionalità core di Firefox. Le schede contenenti le pagine web aperte sono adesso suddivise in quattro differenti processi contenitore.

Con il rilascio di Firefox 50, il progetto Electrolysis è stato finalmente riportato in auge. Il software di Mozilla è infatti diventato un browser multiprocesso capace di separare le pagine web e tutto il loro contenuto dal "nocciolo" dell'applicazione.

Grazie a Electrolysis, accantonato per troppo tempo, Firefox è tornato ad essere un browser moderno, più veloce, ancora più sicuro e maggiormente resistente ai crash.

Firefox 54 punta su Electrolysis e separa i siti web dal resto del browser

Firefox 54, la più recente versione del browser appena rilasciata dagli sviluppatori Mozilla, fa compiere al browser un ulteriore importante balzo in avanti.
D'ora in avanti, infatti, anche le schede in cui sono aperti i singoli siti web sono tra loro separate così che il funzionamento di una pagina non possa influenzare quello delle altre.
E i risultati si vedono: secondo Nick Nguyen, vicepresidente del progetto Firefox, i miglioramenti prestazionali sono davvero evidenti. È facile accorgersene anche durante la normale navigazione e lo scrolling di pagine web molto ricche dal punto di vista dei contenuti.
Diversamente rispetto a Chrome, però, le schede aperte vengono automaticamente distribuite da Firefox in quattro processi "contenitore" così da mantenere il più possibile ridotto il quantitativo di memoria complessivamente impegnato dal browser (vedere questa nota di Mozilla).

Electrolysis viene utilizzato come leva per indurre gli utenti a tornare a Firefox. Le premesse sono buone perché secondo Netmarketshare Firefox, nel giro di un anno, sarebbe passato dall'8% al 12% circa in termini di quote di mercato.
Un bel passo in avanti se si pensa che Internet Explorer, secondo browser più utilizzato in assoluto dopo Chrome, è accreditato di un 17,5%; Edge segue al quarto posto con il 5,6%.
I dati Netmarketshare prendono comunque in considerazione l'utilizzo dei browser sui dispositivi mobili.

Il download di Firefox 54 in italiano è effettuabile da questa pagina.