31518 Letture
Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Come usare Google Foto da dispositivo mobile e da web: una guida alle principali funzionalità per gestire le proprie foto e crearne una copia di backup.

Una delle applicazioni Google che hanno riscosso e che continuano a registrare più successo in assoluto è sicuramente Foto.
Google Foto è molto più di un semplice visualizzatore delle foto e di un sostituto per l'app Galleria del proprio dispositivo mobile: è un'applicazione estremamente versatile, efficace ed efficiente (oltre che molto semplice da utilizzare) che racchiude una serie di funzionalità davvero evolute.

Google Foto piace molto perché consente di accantonare il classico concetto di "galleria fotografica": le immagini sono ricercabili sulla base del momento in cui sono state scattate. L'ordine cronologico diventa quindi secondario: è molto più importante trovare le foto d'interesse sulla base delle persone che partecipavano a un evento o al momento/luogo in cui esse sono state acquisite.
Google Foto poggerà sempre più su intelligenza artificiale e machine learning: già oggi digitando il nome di un oggetto nella casella di ricerca dell'applicazione oppure il nome di un luogo, l'applicazione seleziona automaticamente le foto che contengono gli elementi richiesti.

In questo articolo ci proponiamo di riassumere tutte le caratteristiche principali di Google Foto, scaricabile dal Google Play Store. È comunque disponibile anche nella versione per iOS.


Google Foto può creare un backup sul cloud e sincronizzare la galleria fotografica tra più dispositivi

Google Foto si appoggia all'account utente Google per la memorizzazione di foto e immagini. Di base l'utente ha 15 GB di spazio per salvare gratis, sul cloud, una copia di backup delle foto scattate con il proprio dispositivo mobile.

Toccando Impostazioni nel menu principale (in alto a sinistra) di Google Foto quindi cliccando su Backup e sincronizzazione e selezionando Alta qualità in corrispondenza della voce Dimensioni caricamento nelle impostazioni di Google Foto (sezione Backup e sincronizzazione), si potranno memorizzare automaticamente sui server Google un numero illimitato di foto e video (i contenuti saranno però ridimensionati e non caricati nella loro qualità di scatto originale).

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Scegliendo Originale, invece, le foto e i video non saranno in alcun modo ridimensionati e saranno salvati sui server cloud di Google così come sono, con la qualità originale. In questo caso, però, la memorizzazione di foto e video andrà a erodere lo spazio complessivamente disponibile sul proprio account Google e verificabile accedendo a questa pagina.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Configurando lo stesso account utente Google su più dispositivi, l'archivio fotografico sarà immediatamente accessibile - grazie alla sincronizzazione - su tutti i device. Tutte le foto scattate su un dispositivo e già sottoposte a backup saranno disponibili anche sugli altri.

I dispositivi sui quali è configurato il medesimo account Google scaricheranno soltanto le "miniature" delle foto conservate in archivio; per risparmiare spazio prezioso, il download vero e proprio avverrà solamente allorquando venisse richiesta la visualizzazione di foto e video ben precisi.

I backup vengono creati automaticamente almeno per ciò che riguarda il contenuto della galleria fotografica dello smartphone.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Selezionando però Cartelle dispositivo dal menu principale di Google Foto è possibile eseguire il backup automatico del contenuto di qualunque altra cartella contenente immagini e/o video.

L'icona raffigurante una nuvola con una barra indica che Google Foto non sta al momento monitorando la cartella corrispondente. Per creare il backup basta toccare sul nome della cartella e attivare l'"interruttore" Backup e sincronizzazione.

È quindi possibile creare automaticamente una copia sul cloud delle foto scambiate ad esempio su WhatsApp ed effettuarne comodamente il download da web: Copiare immagini e video da WhatsApp su PC.


Ricordiamo che, come evidenziato in precedenza, il backup è sempre gratuito e illimitato per le immagini salvate sui server cloud di Google in Alta qualità.

Le cartelle sono automaticamente controllate da Google Foto: non appena venisse rilevata l'aggiunta di nuovi contenuti (foto e video), l'applicazione ne effettuerà automaticamente il backup sul cloud. Allo stesso modo, se - ad esempio a seguito dell'installazione di una nuova app Android - Google Foto individuasse una nuova cartella contenente foto e/o video, l'utente potrà scegliere se effettuarne il backup o lasciarla solo sulla memoria del dispositivo.
Ecco quindi che nella sezione Cartelle dispositivo di Google Foto si potranno trovare riferimenti alla cartella contenente gli screenshot (di solito acquisibili premendo la combinazione di tasti Volume giù+tasto accensione), a quella delle immagini e dei video di WhatsApp o di altre app di messaggistica, alla cartella Download, a quella di Office Lens o applicazioni similari, alla cartella contenente foto e video acquisite tramite sistemi di videosorveglianza e così via.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Quando si cancella una foto, essa resterà comunque memorizzata nel Cestino di Google Foto per 60 giorni. Durante questo lasso di tempo potrà essere eventualmente ripristinata.


Attivare il riconoscimento facciale in Google Foto

Nella casella di ricerca di Google Foto è possibile indicare non soltanto i nomi di luoghi e di oggetti ma anche quelli di persone. L'app integra anche un sistema per il riconoscimento facciale attivabile seguendo le indicazioni riportate nell'articolo Riconoscimento facciale in Google Foto, come si attiva.


Impostare più account utente su Google Foto

Google Foto supporta la configurazione e l'utilizzo di più account utente: basta accedere al menu principale dell'app, toccare l'account attualmente configurato quindi scegliere Aggiungi un altro account.
Così facendo, si potrà passare da una galleria fotografica all'altra e, addirittura, estendere lo spazio a disposizione sui server di Google.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Scegliendo l'uno o l'altro account si potrà accedere a ciascuna galleria fotografica tenendo però presente che le foto fisicamente memorizzate nel dispositivo locale saranno in ogni caso mostrate.

Accedere a Google Foto da browser web, modificare e ottimizzare le immagini

Effettuando il login al proprio account utente Google da un sistema desktop o notebook sarà possibile accedere alla galleria fotografica di Google Foto anche da browser.
La comodità è che così facendo si potranno visualizzare ed eventualmente scaricare tutte le foto scattate con i vari dispositivi mobili.

Google Foto in versione web integra anche una serie di funzionalità per migliorare le foto: ne abbiamo parlato nell'articolo Visualizzatore foto: come sceglierlo e configurarlo in Windows al paragrafo Google Foto.

Il bello di Google Foto in versione web è che esso memorizza la versione originale di ciascuna foto: non si rischierà mai, quindi, di perdere l'immagine scattata con il proprio dispositivo mobile in seguito a modifiche maldestre.

Per accedere a Google Foto da browser, basta portarsi a questo indirizzo.
Per modificare una foto, basta cliccarvi sopra quindi selezionare il pulsante Modifica in alto a destra.


Google Foto per il web consente di applicare filtri cromatici oltre a una serie di modifiche di base (luminosità, colore, pop), agire sulle proporzioni dell'immagine, applicare ritagli e rotazioni (così anche da aggiustare, ove necessario, la linea dell'orizzonte).
A tal proposito, suggeriamo anche la lettura dell'articolo Migliori programmi per modificare foto al paragrafo Google Foto.

Google Foto integra anche uno strumento per stabilizzare i video così da eliminare quel ben noto "effetto mosso" introdotto tenendo in mano lo smartphone: Stabilizzare video e rimuovere il tremolio con l'app Google Foto.
Si tratta di una funzionalità ereditata dall'editor di YouTube, ormai messo in pensione da Google: YouTube Video Editor da settembre non esisterà più.

Liberare spazio sul dispositivo mobile con Google Foto

Dopo aver attivato il backup automatico delle foto sui server Google, si potrà recuperare tanto spazio sul dispositivo locale.

Si può infatti utilizzare con fiducia la funzionalità Libera spazio presente nel menu principale di Google Foto: l'app sa infatti riconoscere quali foto sono già state precedentemente oggetto di backup sul cloud e consente di rimuovere dalla memoria locale quanto salvato sui server cloud di Google.
Toccando Rimuovi, si potranno così cancellare le copie locali delle stesse foto e degli stessi video recuperando un buon quantitativo di spazio.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Condividere alcune immagini o interi album con persone specifiche usando Google Foto

Google Foto integra tutte le funzionalità per creare album fotografici da condividere con alcuni contatti.
Per procedere basta toccare il pulsante Condivisi in basso a destra, scegliere Avvia una nuova condivisione e stabilire quali foto mettere a fattor comune. Si può scegliere se condividere foto selezionate oppure le immagini che ritraggono persone specifiche.


Ancora più comodo è condividere album Google Foto dall'applicazione web: per procedere basta avviare il browser da un sistema desktop/notebook, effettuare il login quindi seguire le indicazioni riportate nell'articolo Come condividere album Google Foto.

Le Raccolte condivise permettono di condividere certe foto o interi album fotografici con familiari, amici o persone fidate. Questa funzionalità, accessibile attraverso il menu principale di Google Foto, non permette di creare album condivisi bensì consente di condividere istantaneamente tutto il proprio album fotografico con altri utenti o solamente le foto che ritraggono persone specifiche. Si può scegliere di condividere eventualmente solo le immagini scattate in tempi successivi.
La condivisione può essere ovviamente interrotta in qualunque momento ed è bene tenere presente che, in alcuni rari casi, il riconoscimento facciale di Google potrebbe comunque fallire.

Toccando Ora nella scheda di condivisione nel menu principale di Google Foto quindi scegliendo il nome di un'altra persona con cui si è creato una raccolta condivisa, si troverà la voce Attiva salvataggio automatico.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

È importante l'opzione che si sceglie perché lasciando abilitata Tutte le foto, la totalità delle foto e dei video acquisiti dall'altra persona comparirà immediatamente nella propria galleria. Si può scegliere Nessuna in modo che le proprie foto non vengano mescolate con quelle altrui nella galleria oppure indicare Foto di persone specifiche. In quest'ultimo caso la propria galleria verrà arricchita con quelle sole immagini che ritraggono persone ben precise.


A cosa serve la cartella Archivio di Google Foto

La funzionalità Archivio di Google Foto per dispositivi mobili, accessibile sempre dal menu principale dell'applicazione, consente di escludere la visualizzazione di alcune immagini: Google Foto propone la funzione archivio: tutte le caratteristiche dell'app.

La cartella Archivio è utile ad esempio per "stivare" foto di documenti, libretti di istruzioni, manifesti, volantini, note che non si desidera compaiano nella galleria principale dell'applicazione.

Scaricare le immagini da Google Foto in versione web

Da Google Foto per il web, applicazione già presentata in precedenza, facendo clic sul segno di spunta in corrispondenza di più foto o di più giorni del calendario quindi premendo il tasto in alto a destra raffigurante tre puntini in colonna e infine Scarica (o, semplicemente, usando la combinazione di tasti MAIUSC+D), si potranno scaricare in locale tutte le immagini selezionate.

In alternativa per scaricare in locale tutta la galleria fotografica di Google Foto, basta portarsi su Google Takeout, attendere qualche secondo, cliccare su Deseleziona tutto quindi spuntare unicamente la voce Google Foto e, infine, fare clic su Avanti.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Backup su Google Foto da PC

Il client Google Foto per sistemi desktop e notebook è ormai andato in pensione, sostituito dal nuovo Backup and Sync.


Scaricabile da questa pagina, Backup and Sync (Backup e sincronizzazione, in italiano) consente di creare una copia di backup di qualunque file salvato sui propri PC, quindi non soltanto di foto.

Google Backup and Sync è capace di riconoscere automaticamente le foto conservate su PC e ne propone l'upload sui server Google, nell'ambito del proprio account utente.
Una volta completata la procedura di backup, le foto risulteranno sincronizzate e accessibili anche dai device mobili ove è configurato il medesimo account utente.

Tutti i dettagli sul funzionamento di Backup and Sync nel nostro articolo Backup online con il nuovo software di Google.

Come usare Google Foto per creare contenuti nuovi

Nell'articolo Foto Google: funzionalità per migliorare le immagini e creare contenuti nuovi abbiamo presentato le caratteristiche di Google Foto che aiutano a migliorare le immagini scattate con lo smartphone e creare contenuti del tutto nuovi.

Avviare presentazioni o slideshow con Google Foto

Se si volessero mostrare le foto memorizzate nel servizio di Google come presentazione sul singolo dispositivo mobile, su PC o sul televisore collegato (ad esempio tramite Chromecast o Miracast: Come collegare il telefono alla TV), è sufficiente seguire alcuni semplici passaggi.

Sul dispositivo mobile, mediante app Google Foto, oppure da desktop collegandosi con questa pagina, si deve semplicemente selezionare un Album precedentemente creato (cliccare sull'icona Album).
A questo punto, selezionando una foto nell'album (per esempio la prima), si deve toccare il pulsante in alto a destra (tre puntini in colonna) quindi scegliere Presentazione o Slideshow (a seconda che si usi l'app Google Foto o la versione web della stessa applicazione).


Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

La stessa operazione può essere effettuata anche dalla normale galleria fotografica di Google Foto tenendo però presente che in questo caso le immagini mostrate nella presentazione saranno mostrate in ordine cronologico inverso (ovvero a partire da quella scattata più di recente).

Nell'articolo Chromecast app da utilizzare per sfruttare al meglio la chiavetta Google abbiamo visto come trasmettere le immagini sul televisore con Google Foto o con altre soluzioni.

Integrare Drive con Google Foto

Se si avesse la necessità di utilizzare spesso le foto scattate con i propri dispositivi mobili all'interno di documenti e presentazioni (vedere Google Presentazioni: trucchi e consigli), è possibile legare a doppio file Google Drive con Google Foto.

Per procedere in tal senso basta accedere a questa pagina, cliccare sull'icona raffigurante un piccolo ingranaggio, scegliere Impostazioni quindi, nella sezione Generale spuntare la casella Crea una cartella di Google Foto.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Dall'app, portandosi nelle impostazioni, è eventualmente possibile chiedere la sincronizzazione su tutti i dispositivi delle foto e dei video salvati su Google Drive.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup

Rimuovere le informazioni sulla geolocalizzazione

Ogni volta che si scatta una foto, Google Foto aggiunge un metadato che indica la posizione geografica dell'utente al momento dello scatto.


Si provi ad aprire una qualunque foto in Google Foto, toccare il pulsante in alto a destra raffigurante tre puntini in colonna quindi scegliere Informazioni.
Scorrendo la schermata delle informazioni, si troverà la voce Posizione con una mappa e le indicazioni sulla geolocalizzazione.

Se si volessero eliminare le informazioni (accessibili con qualunque programma) relative alla geolocalizzazione (ne avevamo parlato anche anni fa: Scoprire dove è stata scattata la foto e proteggere la privacy) basta toccare sul pulsante in basso a destra e scegliere Rimuovi posizione.
Per non perdere tale informazione, si può eventualmente lavorare su una copia dell'immagine.

Google Foto, app per gestire i propri archivi e crearne il backup - IlSoftware.it